Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


COPPA SECONDA - Arzino e Grifone cucinano un derby matto

Primo tempo dominato dai gialloblù (2-0), nella ripresa la squadra di Chirico ribalta la situazione e si impone 4-2. Il presidente Collino: "Solo tra un po' capiremo di che pasta siamo fatti dopo aver cambiato tanto durante l'estate"

Calcio d'agosto anche ad inizio settembre, per la prima di Coppa. Ma intanto l'Atletico Grifone s'è regalato lo scalpo dei cugini dell'Arzino, imponendosi nel ridotto dei gialloblù per 4-2. Sul resto le valutazioni concordano: la partita e il suo esito vanno presi con le molle e solo col passare delle settimane si capirà se è stata vera gloria. Batte su questo tasto, in particolare, il presidente dei Grifoni, Tommaso Collino: "Francamente il match è difficile da interpretare se non dentro la cornice di prima gara ufficiale della stagione. Nella frazione d'avvio l'Arzino, al quale pure mancavano 5 titolari e che non aveva neppure disputato un'amichevole, ci ha messo sotto di brutto, segnandoci due reti, per altro frutto di nostri goffi errori difensivi, e non permettendoci mai di tirare in porta. Eravamo spenti, abulici. Durante l'intervallo mister Chirico deve aver toccato le corde giuste; inoltre l'ingresso di Federico Quarino e Nicola Quas ha aiutato l'intera squadra a sbloccarsi. Il calo dei padroni di casa ci ha indubbiamente agevolato, ma abbiamo colpito due traverse e segnato 4 reti con Giacomo Conzatti, il bomber ex Valeriano Alberto Rossi, Marco Trezza e Federico Quarino. Insomma, la gara è stata davvero dai due volti, uno opposto all'altro. Sia chiaro, vincere e  vincere un derby è sempre meglio che perderlo, ma il lavoro di assemblamento e amalgama è soltanto all'inizio e qualcosa si comincerà a comprendere all'esito del tosto trittico di avvio campionato che ci ha riservato nell'ordine Pagnacco, San Daniele e Mereto".
Tommaso Collino dà il senso della stagione che attende l'Atletico Grifone: "Abbiamo rivoluzionato la squadra, la vecchia guardia ha lasciato il posto a ragazzi giovani, interessanti, che dovranno però dimostrare di saper far quadrato quando arriveranno i momenti difficili. Basti dire che la chioccia del gruppo è il difensore Davide Modesti, classe '88, non certo un coetaneo di Chiavutta... Non ci dispiace perciò affrontare una annata che sarà di costruzione, di semina, con un minor numero di compagini che retrocederanno".

https://i.imgur.com/z05cRVs.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 03/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01537 secondi