Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


IL CASO - Pangon: si poteva giocare! Ingorgo a Monfalcone

Il presidente della Romana critica la decisione dell'arbitro di rinviare la partita di Coppa col Vesna e sottolinea l'incredibile situazione creatasi a livello di terreni di gioco nella città dei cantieri

Gianpiero Pangon (presidente della Romana Monfalcone): “Avremmo potuto giocare regolarmente a partire dalle 18 e invece niente. Effettivamente alle 17.30 – mezz'ora dopo l'ora di inizio – pioveva bene, ma il regolamento dice di aspettare 45' pari a un tempo e da noi non è stato possibile! E poi alle 18 è venuto fuori il sole e questo fa rabbia! Si è parlato tanto delle divise gialle degli arbitri, a questo punto facciamo gli auto-arbitraggi. E' noto che al Cosulich si creano tre pozzanghere, una sotto la tribuna e le altre nelle zone delle aree da rigore. Però si poteva giocare! E adesso fare il recupero sarà un problema per una serie di concomitanze. Noi questa settimana abbiamo il torneo di Villesse, il 25 ci sarà il turno infrasettimanale proprio della coppa, al “nostro” Cosulich non si può giocare di sera perchè un mese fa un fulmine ha colpito un pilone dell'illuminazione, che ora si accende manualmente e va sistemato. Inoltre l'Ufm dovrà a venire da noi perchè il Comunale di via Boito non ha più l'omologazione, visto che la tribuna andrà buttata giù per le crepe trovate e questo dimostra che le cose vanno curate e sistemate e non rimesse a nuovo quando succede qualcosa. Non dipende assolutamente dall'amministrazione attuale di Monfalcone. Il colmo è, che pure il sintetico del Boito (alias il rettangolo adiacente all'erbetta principale, ndr) non è sfruttabile in quanto le luci non sono all'altezza giusta. E c'è anche la Terenziana Staranzano, che ha chiesto di venire a Monfalcone tutto settembre perchè ci sono dei lavori in corso al suo impianto. E il campo di via Venezia a Staranzano è utilizzabile solo dagli amatori a undici, ma non è omologato per i campionati di categoria. Perciò è un bel problema. Parleremo col Comune e con le varie parti, l'unica data possibile potrebbe essere quella del 18...”.

Massimo Laudani

https://i.imgur.com/UXhpWL1.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...









Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01417 secondi