Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


MEMORIAL TONEATTO - Che finale! La Sanvitese la spunta ai rigori

La squadra di Bertoia chiude il primo tempo avanti di 3 reti (fallendo il penalty del poker), ma poi deve subire la reazione della Manzanese di Pisu. Al terzo posto il Fiume Bannia. Splendida la cornice di pubblico

SANVITESE – MANZANESE 7-6 dcr (3-3)
Gol: pt Cassin (S), Rinaldi (S), Comisso (rig), ; st Tomasin (M), Tavagnacco (M), Clede (M).

SANVITESE: Cover, Tavella (30’st Schincaroil), Iacca (14’st Artuso), Fraschetti, Toffolon, Rinaldi, Cassin (15’st Piccinin), Defend (22’st Shkurtaj), Comisso (7’pts Nosella), Gervaso, Mc Canick (1’sts Pezzella). (12. Barbuio, 19. Cusin, 20. Zannier). All. Alessandro Bertoia.

MANZANESE: Piazze, Di Giusto (36’ Negri), Fernetti, Zunino (Pallavisini), Pevere (17’st Quaino), Carlon, Tomasin, Reggio, Decorte, Tavagnacco, Clede (36’st Gori). (12. Brussi). All. Roberto Pisu.  

ARBITRO: Francesco Muzzarelli sez. Udine.

NOTE – Ammoniti: Fraschetti, Cassin, Shkurtaj, Schincariol, Comisso, Zunino, Tavagnacco, Tomasin, Fernetti.

FLAMBRO - Cala il sipario sull’ottava edizione del Memorial Lauro Toneatto riservato alle squadre allievi, con la disputa della finalissima all’Annibale Frossi di Flambro. A sfidarsi per il trofeo i campioni in carica della Manzanese e la squadra del momento, la Sanvitese. E i pordenonesi di mister Bertoia non si smentiscono chiudendo la prima frazione di gioco avanti di tre gol. Apre le danze Cassin con un tiro da fuori area terminato all’angolino, poi Rinaldi (buona prova la sua), raddoppia al termine di un’azione personale sulla sinistra e conclusione dai 18 metri. Gran gol, micidiale uno-due e applausi. Un rigore per un fallo su Rinaldi porta a tre le marcature della Sanvitese che però allo scadere della frazione fallisce un altro penalty, procurato e calciato da Cassin.
Cambia volto la gara nella ripresa: la Manzanese rientra in campo con un altro piglio e mette in difficoltà la Sanvitese. Tomasin accorcia segnando al volo su azione d’angolo, poi un filtrante di Reggio arriva a Tomasin il cui tiro è rimpallato e Tavagnacco è lesto nel tap-in a spingere il pallone in porta. Il pareggio è opera di Clede con una spallata su cross dal fondo. Calano vistosamente i ritmi dopo 20 minuti, la stanchezza si fa sentire e non accade più nulla, neanche nei tempi supplementari.
E allora sono necessari i tiri dal dischetto: fatali risulteranno gli errori dei manzanesi Carlon (sulla traversa) e Tavagnacco (parato) e così vince l’ottava edizione del Memorial “Lauro Toneatto” la Sanvitese per 7-6.
Il tecnico degli orange Pisu rileva il brutto inizio di partita dei suoi ragazzi, poi migliorati con il passare del tempo, soprattutto nella ripresa, e si ritiene soddisfatto considerato che si tratta di una delle prime uscite della stagione. Stigmatizza piuttosto parte della normativa federale, penalizzante in fatto di squalifiche subite nel torneo, da scontare nel campionato. Non è una novità, da tempo è così, ma le riflessioni del tecnico appaiono ragionevoli.

In precedenza si era disputata la finale di consolazione con la vittoria conquistata dal Fiume Veneto Bannia sul Fontanafredda per 2-1. 

Al termine della manifestazione si sono svolte le premiazioni sul campo dinanzi ad una splendida cornice di pubblico. Con la regia a tutto campo di Roland Toneatto, (Cristopher Calligaris ha curato la parte fonica), la presentatrice Cristina Dri ha dato la parola per i ringraziamenti al vice presidente della Figc regionale Claudio Canzian, al Sindaco Fabrizio Pitton e del suo vice Roberto Grassi e, naturalmente, alla rappresentanza della famiglia Velmo Toneatto, omaggiata quest'ultima dalla Polisportiva Flambro di patron Ganis con mazzi di fiori. E' stata, in definitiva, una festa di calcio e amicizia che resterà nei ricordi dei presenti e, in particolare, dei giovani calciatori, autentici protagonisti di una serata all'altezza dell'impegno e della passione profusi a piene mai dagli organizzatori. 

https://i.imgur.com/1yy9oHW.jpg

https://i.imgur.com/uckzRYW.jpg

https://i.imgur.com/mDrIMro.jpg

https://i.imgur.com/9lcwo5Q.jpg

https://i.imgur.com/jLJ9zv4.jpg

https://i.imgur.com/rtWei70.jpg

https://i.imgur.com/grGUFPX.jpg

https://i.imgur.com/i7UXykn.jpg

https://i.imgur.com/wnpKOd3.jpg

https://i.imgur.com/9QjN8AY.jpg

https://i.imgur.com/muFGhiG.jpg

https://i.imgur.com/dZ9crkv.jpg

https://i.imgur.com/7Ki46el.jpg

https://i.imgur.com/FrSIq2P.jpg

https://i.imgur.com/2EIMtvW.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 13/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02228 secondi