Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


SERIE D - Il San Luigi sta "imparando". Ciriello, recupero difficile

La squadra di Gigi Sandrin arriva dall'ottima prestazione (con risultato positivo) offerta mercoledì a San Martino di Lupari, e domani cercherà conferme sul terreno di casa al cospetto della temibile Clodiense. Il tecnico recupera elementi importanti, probabilmente non l'attaccante, alle prese con una botta al ginocchio rimediata nella sfida col Cjarlins Muzane

Il San Luigi rimette insieme alcuni pezzi del suo mosaico dopo averne dovuto farne a meno nella trasferta infrasettimanale di San Martino di Lupari. La quarta tappa del girone C di serie D, che vedrà i triestini ospitare la Clodiense/Chioggia, permetterà al club di Ezio Peruzzo di riavere il bomber Muiesan (mercoledì stoppato dal lavoro), il centrocampista Villanovich (squalifica scontata dopo che la coppa Italia e le prime due di campionato erano state saltate invece dall'offensivo Abdulai per volontà del giudice sportivo) e il portiere Furlan, oltre a esserci probabilmente tra i convocati l'estroso Lombardi, alle prese ultimamente con qualche problemino fisico come l'estremo difensore. Difficilmente ce la farà l'altro puntero Ciriello per la botta ad un ginocchio presa contro il Cjarlins Muzane. E mancherà al solito – ancora a lungo tra l'altro – il difensore Luca Crosato per il suo infortunio alla caviglia sinistra.

Determinato al solito il “conducator” biancoverde Luigino Gigi Sandrin: “Siamo consapevoli, che il punto guadagnato mercoledì è stato il frutto di una prestazione molto positiva e ci aiuta a recuperare la stanchezza per le tre partite in sette giorni, che per noi dilettanti è un problema in più. Devo fare i complimenti ai ragazzi per la prova di mercoledì perchè è stata appunto buona. E' stata fatta contro una big del campionato a detta di tutti. Lascia ben sperare per il prosieguo, ma dobbiamo dare continuità. Perciò dobbiamo resettare quanto fatto e ripartire. Ora ci aspetta un'altra squadra da vertice, che finora non ha mai perso. Ci sono tutte le premesse per fare il nostro, ma dobbiamo dare il massimo”.

E ancora: “Il caldo? C'è per tutti, ma non incide in questa fase della stagione, anche se allenarsi di sera e poi giocare di pomeriggio comporta delle differenze. In ogni caso mercoledì la squadra, pur essendo scesa in campo in versione decisamente giovane, ha corso, lottato e si è aiutata. Ci ha messo una concentrazione diversa dopo gli errori precedenti, ma voglio rivedere lo stesso spirito d'ora in avanti. Ogi domenica ci sarà la stessa routine, ovvero giocheremo contro formazioni più forti di noi. Anche il Chioggia ha una rosa di giocatori di spessore, spero che quei tre–quattro non impiegati in precedenza non tornino proprio stavolta... Noi non dobbiamo affidarci alle giocate dei singoli, ma giocare di squadra e così potremo fare delle buone prestazioni. Mercoledì i nostri “piccolini” là davanti, ovvero il 2000 Carlevaris e i 2001 Mazzoleni e De Panfilis, mi sono piaciuti molto e hanno messo in difficoltà dei difensori di una compagine forte, elementi che hanno fatto la serie C. Si poteva magari osare di più, ma il cinismo verrà con il tempo”.

Massimo Laudani

https://i.imgur.com/UXhpWL1.jpg

https://i.imgur.com/jJ14aGq.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01391 secondi