Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE B - Il Pordenone agguanta il Benevento

Le reti nel primo tempo. Vantaggio ospite con un rasoterra di Kragl, la replica è di Camporese di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Friulani e giallorossi si dividono gioco e punti

PORDENONE - BENEVENTO   1 - 1
Gol: 12’ Kragl, 40’ Camporese

PORDENONE (4-3-2-1): Di Gregorio, Almici, Camporese, Barison, De Agostini, Ciurria (56’ Strizzolo), Burrai Pobega (50’ Pobega), Chiaretti, Mazzocco (71’ Gavazzi), Monachello – All. Attilio Tesser

BENEVENTO (4-4-2): Montipò, Maggio, Antei, Caldirola, Letizia, Kragl, Del Pinto (56’ Insigne), Viola, Tello (74’ Hetemaj), Armenteros (66’ Sau), Coda – All. Filippo Inzaghi

ARBITRO: Marco Serra sez. Torino – Assistenti: Niccolò Pagliardini sez. Arezzo e Andrea Tardino sez. Milano – Quarto uomo: Giovanni Ayroldi sez. Molfetta
 
NOTE - Spettatori: 2850 di cui 1350 abbonati. Ammoniti: 18’ Almici, 22’ Monachello,  38’ Maggio, 49’ Chiaretti, 80’ Hetemaj, 84’ Strizzolo.  Calci d’angolo: 5-3. Recupero: 1t.1’ – 2t.4’

Pari e patta. Un punto a testa per le formazioni guidate da Tesser ed Inzaghi. Si chiude con un salomonico 1-1 la gara valida per la quinta giornata del campionato di serie B, tra Pordenone e Benevento che affrontava per la prima volta un’avversaria friulana della sua storia nel campionato cadetto. In vantaggio i campani con un gran mancino di Kragl, il Pordenone nel finale di tempo alza i ritmi e trova il pari con Camporese su perfetto corner calciato da Burrai. Nella ripresa la gara rimane in equilibrio nonostante Coda e Kragl si dannino l’anima per conquistare l’intera posta. Ma riavvolgiamo con ordine il nastro della partita.
Spinge fin dai primi minuti il Pordenone, che al 4’ guadagna un calcio di punizione che Burrai serve al centro dell’area, Armenteros la mette in angolo. Il primo a provarci è Camporese sugli sviluppi di calcio d’angolo cerca la conclusione in acrobazia, murato dalla difesa.
Esce con ordine dalla propria metà campo il Benevento, Viola va in percussione sulla trequarti, Almici lo ferma in maniera poco ortodossa, ed il signor Serra di Torino non ci pensa due volte a sanzionare il fallo. Kragl va sul pallone, ma la battuta di mancino finisce sulla barriera. Il Benevento spinge con continuità, ed il cross dalla sinistra di Viola all’10’, viene messo in angolo da Almici.
Al 12’ il Benevento passa in vantaggio, Maggio avanza palla al piede sul fronte di destra e scarica in verticale per Kragl che supera Di Gregorio, con un rasoterra di sinistro. Reagisce in qualche modo la squadra di Tesser, ci provano Manochello e soprattutto Burrai con una conclusione al volo da fuori, respinta. Mazzocco al minuto 17 cade in area contrastato da Letizia, i neroverdi reclamano a gran voce il rigore, ma Serra fa segno che si può proseguire.  
Non ci sono pause, al 26’ Monachello su piazzato di Burrai prolunga la traiettoria per Pobega che non inquadra lo specchio della porta.  Immediata la risposta di Coda con una conclusione mancina che finisce sul fondo. Alla mezz’ora su capovolgimento di fronte, De Agostini mette un cross profondo per Ciurria, anticipato da Montipò. Ancora Kragl in evidenza dal limite dell’area, il tedesco chiama all’intervento Di Gregorio.
Quando mancano poco più di 5’ alla fine del primo tempo, il Pordenone raggiunge il pareggio. Perfetto il cross dalla bandierina di Burrai, sul quale Camporese svetta in area e mette di testa alle spalle di Montipò. Chiude in attacco il Pordenone e dopo un minuto di recupero Serra indica la strada degli spogliatoi.

La ripresa ricomincia con gli stessi ventidue in campo, ma dopo 5’ di gioco si infortuna Pobega e Tesser lo sostituisce con Pasa. Al 53’ una buona occasione per il Benevento, il tentativo di Coda dal vertice dell’area, viene respinto con i pugni da Di Gregorio. Non si fa attendere la risposta del Pordenone con Ciurria, servito da Pasa prima controlla e poi calcia con il sinistro. Montipò para in due tempi. Al 56’ Tesser cambia Ciurria per Strizzolo ed Inzaghi sostituisce Del Pinto con Insigne.
Dopo un tentativo di tacco di Coda servito da Kragl e parato da Di Gregorio, Letizia serve un traversone dalla sinistra per la testa di Coda, che chiama Di Gregorio all’intervento in due tempi.
Si accende la gara nell’ultimo quarto d’ora: sempre il solito Coda crea scompiglio in area, Kragl si lancia, come un falco sulla preda, sulla respinta di Camporese, con la palla che finisce fuori di un nulla, poi la punizione di Burrai facile preda diventa Montipò. Dopo il giallo sventilato ad Hametaj per la trattenuta di Chiaretti, stesso metro usato da Serra per l’intervento irregolare di Strizzolo ai danni di Letizia. Giallo anche per l’attaccante friulano. A 4’ dalla fine la sponda di Kragl libera al tiro Coda, che sparacchia alto sopra la traversa, così come stessa sorte tocca al sinistro da fuori di Viola nel primo dei quatrro minuti di recupero concessi.

Antonino De Blasi

Qui sotto il commento audio trasmesso su Radio Gioconda FVG

 

https://i.imgur.com/z05cRVs.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01718 secondi