Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


ECCELLENZA - La Manzanese supera di slancio il derby

Netta vittoria per gli arancione di Rossitto su una Virtus Corno che, comunque, a sprazzi ha fatto vedere delle cose interessanti. Ma il 5-0 racconta di un match a senso unico o quasi. Patron Fabbro soddisfatto, con un occhio particolare alle risposte dei giovani di casa

MANZANESE – VIRTUS CORNO 5-0
Gol: 4' Cestari, 26' Duca, 39' Corvaglia (rig.), 45'+1' Bevilacqua, 64' Bevilacqua.

MANZANESE: Buiatti, Bonilla (Sittaro dal 22’ st), Duca, Nastri (Vuerich dal 31’ st), Cudicio, Bevilacqua, Craviari (Hadzic dal 20’ st), Tacoli, Kuqi (Msafti dal 26’ st), Corvaglia (Delle Case dal 10’ st), Cestari. A disposizione: Malusà, Damiani, D’Urso, Turco. All. Fabio Rossitto 

VIRTUS CORNO: Caucig Jacopo (D’Osualdo dal 12’ st), Shimba Olamba (Furlan dal 1’ st), Martincigh, Mocchiutti, Libri, Guobadia, Merlo (Manneh dal 1’ st), Kalin, Tomada (Caucig Filippo dal 37’ st), Kanapari (Pezzarini ( dal 12’ st), Ermacora. A disposizione: Anastasia, Beltrame Tommaso, Dervisevic, Beltrame Emanuele. All. Stefano Caiffa 

ARBITRO: Poli di Verona. Assistenti: Ponti di Trieste, Carlevaris di Trieste.

NOTE - Ammoniti: Msafti (M) - Guobadia (V). Espulso Furlan (V) al 25’ st. Calci d'angolo 4–1.

E’ un derby senza storia quello che va in scena a Manzano tra la Manzanese e la Virtus Corno: troppa la differenza tra le due formazioni. Non dispiace la Virtus dei primi minuti ma la superiorità della formazione di casa appare subito evidente, superiorità sia fisica che tecnica. Manca il furetto Roveretto e la Manzanese si presenta con un 3-5-2 dove il giovane Cestari viene avanzato sulla fascia sinistra, una impostazione meno vocata alle rapide ripartenze ma decisamente consistente nel gioco. Sono 4 i fuoriquota in avvio di gara nella squadra di casa, saranno 8 alla fine dell’incontro, sicuramente uno dei punti di forza della formazione arancione assieme ai pochi senior di indiscusso valore.
Dopo le prime schermaglie iniziali la Manzanese passa subito in vantaggio al 4’ minuto: Duca lancia Kuqi sulla sinistra, cross al centro per Corvaglia su cui salva Caucig ma nulla può sulla ribattuta dell’accorrente Cestari che insacca. La Virtus si fa pericolosa al 12’ sugli sviluppi di un punizione di Kalin che trova la spizzicata di testa di Merlo al centro area, la conclusione termina sul fondo.
Raddoppia la Manzanese al 26’ con un imperioso colpo di testa di Duca sul perfetto angolo battuto da Cestari, al 35’ l’estremo virtuossino Caucig si supera togliendo dal 7 la conclusione dai 18 metri del manzanese Craviari. Manzanese vicina al terzo gol al 36’: angolo di Cestari e girata al volo di Craviari che centra la traversa con il pallone che rimbalza sulla linea di porta. Continua a premere la Manzanese ed al 38’ si vede concedere un calcio di rigore per il fallo di Shimba Olamba su Kuqi; realizza Corvaglia.
Prova a reagire la Virtus Corno creando un paio di situazioni di gioco interessanti: al 42’ Tomada trova il fondo campo sulla destra, l’appoggia al centro per Merlo che non arriva con i tempi giusti, la conclusione è bislacca ma con una traiettoria infida su cui fa buona guardia Buiatti alzandola sopra la traversa. Ci prova direttamente Kalin su punizione al 44’ costringendo l’estremo manzanese Buiatti alla ribattuta a pugni chiusi; al primo minuto di recupero del primo tempo la quarta rete della Manzanese direttamente su calcio di punizione battuto dal 2001 Bevilacqua, il quale è anche fortunato con il pallone che rimbalza a terra nell’area piccola risultando poi imparabile infilandosi nell’angolino basso.
4 a 0 in un tempo sono “tanta roba” e fanno un po' scemare le motivazioni, ma la Manzanese dei primi minuti della ripresa ci prova ancora e si fa pericolosa al 2’ con Cestari, servito da Kuqi dalla fascia sinistra, la conclusione oltrepassa il secondo palo spegnendosi sul fondo. E’ ancora Cestari a venir liberato in area sulla sinistra al 5’, la sua conclusione viene intercettata in extremis da un difensore. Interessante la conclusione del virtussino Furlan al 9’ dai 18 metri che sibila un metro sopra la traversa difesa da Buiatti. Al 19’ il quinto gol Manzanese con una punizione dai 20 metri di Bevilacqua: la conclusione supera la barriera, coglie l’interno del primo palo e si insacca… Imparabile!
Del proseguo dell’incontro segnaliamo solo l’espulsione del virtossino Furlan al 25’ per un “onesto” fallo su Tacoli, un bel fallo nulla da dire… ma un cartellino giallo sarebbe stato più che sufficiente! La Virtus non ne ha più per provare ad affacciarsi in attacco, ci provano ancora i ragazzi della Manzanese ma con azioni personali senza una manovra di squadra...  Siamo però 5 a 0 e ciò che doveva dire la partita l’ha già detto, il pensiero dei più va al chiosco ed al dopo gara.

L’analisi finale la lasciamo al presidente della Manzanese, Filippo Fabbro: “Partita importante per continuare nel cammino di crescita. Siamo contenti soprattutto per aver giocato nel secondo tempo con 8 giovani in campo tra cui Hadzic  del 2003, e Msafti e Delle Case del 2002. E’ la nostra filosofia societaria che mister Rossitto ha sposato con grande entusiasmo. Sono contento del rientro in campo di due ottimi giocatori sempre giovani come Vuerich del 2000 e Sittaro del 1999. Avanti tutta quindi con questo nostro progetto. Mercoledì ci attende un appuntamento bello e impegnativo. Faccio i complimenti al mister, allo staff e ai ragazzi ma da domani si riparte a testa bassa nel lavoro, l’unica cosa che porta ai risultati”.

Mario Pretto


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01821 secondi