Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


PRIMA - Cercivento, profumo di salvezza con i lampi di Morassi

Basta un punto ai granata di Moser per rimanere in Prima categoria. Amaro e Campagnola se la vedono brutta, unica soluzione vincere e sperare nel passo falso di chi sta sopra. Osoppo salvezza matematica

Al Cercivento basterà non perdere domenica prossima a Trasaghis è sarà in ogni caso salvo. In caso contrario tutto dipenderà dal risultato di Campagnola e Amaro, ad oggi occupanti la penultima e terzultima posizione appaiate.

In questa penultima giornata della Prima categoria il pari del Campagnola (25) al “Goi” è di quelli da mani nei capelli. Avanti per 2-1 si fa raggiungere sul 2-2 da un Real Imponzo (33) già salvo e tutto diventa incubo per i gemonesi. Passati per primi in vantaggio con Belgrado, raggiunti da Cacitti e nuovamente in vantaggio allo scadere del primo tempo ancora con Belgrado. Nella ripresa doppietta anche per Cacitti, ma fa male ai padroni di casa.
Non se la passa bene neppure l’Amaro (25), neanche la vittoria per 2-1 sul Trasaghis (31) può addolcirlo in virtù dei tre punti conquistati dal Cercivento. Per la squadra di mister Talotti, in gol con Fior e Candotti, quest’ultimo dopo il temporaneo pari di Milatovic, resta solo una possibilità, vincere ad Imponzo e sperare nel regalo del Trasaghis per andare allo spareggio.
Al Cercivento (28) è sufficiente un punto per la matematica, dopo i tre presi sull’Ovarese (31) con un rassicurante 5-3, con mattatore Devid Morassi, autore di una tripletta.

Sul podio vuole salire il Cedarchis (44) e mantiene il vantaggio di 3 lunghezze sul Villa, con la vittoria ottenuta ad Arta (31) per 1-0 nell’anticipo di sabato con la rete, alla mezzora del primo tempo, di Radina.
La risposta del Villa (41) non si fa attendere mediante l’altrettanto successo  per 1-0 conquistato al “Forgiarini” sulla Nuova Osoppo (40) con il gol griffato Tessari al 20’.
E le due ex combattenti per il titolo? Beh, il Cavazzo (67) ha rifiatato dopo un percorso infinito e ha ceduto alla Pontebbana (34), al “Cianciannini”, per 4-3 al termine di una partita sempre viva, aperta dal gol ospite di Orlando. Altre quattro reti prima del the, il pareggio di Ferataj, il nuovo vantaggio dei viola su rigore di Sferragatta e il sorpasso biancazzurro di Aleksandar Misic e Della Mea. Dionisio la riprende ad inizio secondo tempo ma è ancora Aleksandar Misic a regalare, poco dopo, la vittoria alla Pontebbana.
I Mobilieri (59) invece non hanno avuto pietà del povero Fusca (11), affibbiandogli ben 9 reti con tripletta di Del Linz, che si porta così nuovamente in vetta ai marcatori del girone con 26 centri superando Nait, doppiette di Luca Marsilio e Vidali e singole di Fior e Davide Marsilio. Per il Fusca Frezza e Muner timbrano il 2-9 finale.  


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...














LCFC - Dognese campione!

Vincere non è mai facile, ripetersi è ancor più difficile. Si è ripetuta invece la Dognese, trionfando in due campionati consecutivi. L&rs...leggi
11/10/2019





Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02214 secondi