Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - Arriva il super Padova, Gautieri suona la carica

Domenica l'atteso derby del Triveneto; esordio sulla panchina rosso-alabardata per il nuovo tecnico. Milanese ringrazia Princivalli e lancia la caccia al traguardo play-off

La sentita sfida con il Padova, che comporterà delle limitazioni nel traffico nella zona dello stadio Nereo Rocco, vedrà (domenica 20/10 dalle 15) la Triestina anche mettersi alla prova al cospetto dei propri tifosi, delusi e amareggiati per questo inizio di stagione. I veneti saranno privi per squalifica dell'allenatore Salvatore Sullo e del preparatore dei portieri Zancopè, mentre la compagine giuliana non avrà il terzino sinistro Frascatore (fermato dal giudice sportivo), nonché gli infortunati Costantino, Salata, Paulinho e Beccaro.

Sarà la prima in rossoalabardato per il neo tecnico Carmine Gautieri, che indica: “In campo voglio vedere i giocatori dare sempre il massimo e aiutarsi nei momenti difficili. Insomma l'atteggiamento è il primo aspetto che conta e viene prima della tecnica e della tattica. Mi piace il gioco propositivo e mi piace che la mia squadra crei tante occasioni, anche se questo non sempre basta per vincere le partite. Ma le punte e gli esterni devono essere bravi anche a dare copertura al centrocampo in modo da essere efficaci in fase difensiva.

Così l'amministratore unico Mauro Milanese: “Siamo anche stati sfortunati in certi casi tra pali e rigori non dati, ma c'è bisogno di una scossa. Bisogna migliorare molto sulla fase difensiva, ma senza trascurare quella offensiva. Ringrazio Nicola Princivalli, che è rimasto comunque come secondo perchè Gautieri non aveva in questi anni un secondo e voleva un aggancio per poter lavorare bene. Non è più un integralista zemaniano e sappiamo, che dobbiamo proteggere meglio il portiere Offredi. Va ricalibrato l'obiettivo, però arrivare ai play-off deve essere una meta perseguibile”.

Massimo Laudani


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01431 secondi