Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE B - Attento City, il Rovereto ha 7 vite. Provaci Palmanova

Sabato si disputa la sesta d'andata. E' saltata la prima panchina, quella dell'Atesina. Il Maccan ad Arzignano affronta un esame molto duro. Pordenone in cerca di riscatto, ma guai sottovalutare il Belluno

Sesta giornata in serie B nazionale sabato pomeriggio che promette ancora scintille, grande equilibrio e continui ribaltamenti di fronte sia in testa che in coda hanno caratterizzato sin qui la stagione e sicuramente anche in questo weekend ci sarà da divertirsi.
Trasferte molto impegnative per le prime della classe, il Maccan Prata è infatti atteso nella tana di un Arzignano che solitamente sul terreno amico non dà scampo a nessuno, i vicentini nell'ultimo turno sono reduci da una bruciante sconfitta nel derby con i cugini del Cornedo e vogliono recupeare subito dal passo falso puntando molto su questa gara, ancora una prova del nove per i gialloneri che dopo aver fallito a Nervesa cercheranno di superare a pieni voti questo esame di maturità per provare la prima fuga solitaria visto che l'altra capolista Cornedo e' attesa anch'essa da un viaggio non semplice sul campo del Sedico ringalluzzito dalla vittoria nel derby con Belluno di 7 giorni fa. 
Tra le inseguitrici delle due lepri turno sulla carta agevole per il Bubi Merano che ospita un'Atesina in evidente difficoltà e che in settimana ha cambiato il tecnico affidandosi all'esperto Vanin per provare a risalire la china; Pordenone in cerca di riscatto sul terreno amico, punto di forza dei neroverdi, che ricevono la visita di una Canottieri Belluno da non sottovalutare, la formazione veneta segna poco ma subisce pure poche reti, anche se l'attacco del Pordenone finore si è sempre dimostrato in grado di scardinare qualsiasi saracinesca.
In coda farà davvero caldo al PalaCus di Udine dove la truppa di Pittini incrocia le armi con l'Olimpia Rovereto, metabolizzata con più di qualche rimpianto la sconfitta di Prata, il vulcanico coach udinese ha caricato i suoi per provare a sfondare la retroguardia trentina, attenzione a questo Rovereto che con due incredibili rimonte, sotto 0-3 sia a Palmanova che in casa col Nervesa, è riuscito a compiere due imprese titaniche vincendo due gare dove sembrava già sconfitto, con un successo gli udinesi rimescolerebbero le carte trascinando nel "calderone" oltre a Rovereto anche  Belluno se sconfitto a Pordenone. 
Ancora in viaggio si mette il Palmanova: dopo i 3 punti vitali conquistati in Alto Adige, mister Criscuolo mette nel mirino il Nervesa, formazione ricca di talenti (Bellomo ed il nazionale Tenderini tanto per citarne due), che però da grande favorita sta zoppicando parecchio in questo avvio di stagione e rimane in corsa per il momento per la promozione solo grazie alle disgrazie altrui. (m.p.)


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05475 secondi