Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TRIVIGNANO - Il riscatto parte dalla Coppa

Un inizio di stagione fra alti e bassi per la formazione bianconera, ritrovatasi proprio nel derby di coppa. Il dirigente Reale: “Finora non abbiamo raccolto quanto seminato. La consapevolezza di migliorare c’è”. E l’esame di maturità si svolge a Tapogliano domenica

I derby sono da sempre particolari e talvolta non vince la squadra, almeno sulla carta, maggior favorita. A Percoto infatti il Trivignano vince con l’Union 91 per 2-1 nella gara d’andata dei quarti di finale di Coppa regione e gli otto punti di distacco in classifica non si sono per nulla visti. La gara è presa in mano dagli ospiti sin dai primi minuti e passano in vantaggio con Michelini, lesto a stoppare e cacciare in fondo al sacco una punizione respinta corta dalla difesa biancoceleste. Sull’abbrivio il Trivignano affonda ancora i colpi ed approfittando di un rivedibile retropassaggio, il rapido Issakoli gonfia di nuovo la rete. L’Union 91 dimezza le distanze con un calcio di rigore conquistato e trasformato da D’Ampolo. La ripresa si snocciola sui binari dell’equilibrio senza particolari emozioni. Una vittoria scaccia crisi per il Trivignano che ora, dopo alcuni passaggi a vuoto, in campionato è di scena a Tapogliano contro un Torre a pari punteggio in classifica e tutto fa presagire ad un altro incontro intenso con grinta da vendere per i ragazzi di mister Terpin.

“L’inizio di campionato non è stato molto soddisfacente, non abbiamo raccolto quanto seminato. Non eravamo partiti male, la squadra giocava ma i punti andavano agli avversari. Dopo la gara con la Serenissima – ricorda l’ex portiere ora dirigente Domenico Reale -, vuoi per squalifiche a qualche infortunio, i ragazzi si sono disuniti ed è venuto a meno lo spirito e la compattezza, ritrovata invece nella serata di coppa, con il suo assetto di squadra. Le prestazioni sono sempre state buone ma, come detto, all’appello qualche punto ci manca. La consapevolezza di poter migliorare c’è e la sente anche il mister Cristian Terpin, di cui sia soddisfatti del suo operato”.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01735 secondi