Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TERZA B - Campionato intrigante. La carica di mister Corazza

Assosangiorgina, tre punti corroboranti colti sul Carso. Girone piuttosto livellato la squadra udinese naviga a centro classifica. Per il tecnico biancoverde il torneo è impegnativo ma nel contempo bello ed imprevedibile. E c’è spazio anche per i giovani biancoverdi

Tre vittorie e quattro sconfitte è il bilancio delle prime sette gare dell’Assosangiorgina nel girone B di Terza categoria. La recente vittoria sul campo triestino dell’Alabarda ha portato la squadra udinese al centro di una classifica che si sta allungano e probabilmente già delineando.

“Contro l’Alabarda non è stata un gran partita soprattutto per le pessime condizioni del campo causa maltempo. Abbiamo subito messo dalla nostra il risultato con il doppio vantaggio – ricorda il mister degli udinesi Michele Corazza – subendo il gol a fine primo tempo. Poi i triestini hanno fallito un rigore e, seppur rimasti in dieci uomini, abbiamo portato a casa i tre punti contro un buon avversario, tutto diverso dalla squadra che l’anno scorso subiva molti gol”.

Questa Terza categoria è un campionato piuttosto livellato in cui ci sono alcune squadre con un passo maggiore ma anche queste possono alle volte incepparsi. “E questo lo dimostra il pareggio con cui il Donatello ha frenato il Pozzuolo e la stessa Alabarda andata a vincere due settimane fa in casa della Blessanese. Non ci sono squadre materasso, il girone è impegnativo anche sotto il profilo delle trasferta lunghe e ogni domenica è una battaglia. Nel contempo però è bello ed imprevedibile rispetto al misero girone degli anni passati”.

L’Assosangiorgina gioca e si allena al “Bepi Rigo” di Udine anche in condizioni di tempo non dei migliori e su questo e sull’impiego di alcuni giovani il tecnico Corazza spende una buona parola: “Ci alleniamo tre volte alla settimana con impegno e con la presenza di almeno una quindicina di giocatori. Ci sono anche dei giovani e domenica ho fatto esordire Chirico e Gagliardi ma ci sono anche i vari Degano, Petris e altri. In questa settimana ho dovuto saltare il primo allenamento causa maltempo, ma normalmente il nostro campo di sfogo drena molto bene e possiamo lavorare tranquillamente”.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...







PANCHINE - Giorgio Zanutta lascia il Porpetto

E’ durata una stagione, seppur troncata dal Coronavirus, la panchina di Giorgio Zanutta al Porpetto, iniziata con un progetto per risollevare la società dalla Terza categoria e riportarla qual...leggi
03/07/2020







LA RINASCITA - Il Palazzolo torna in auge

Tre anni fa si chiudeva un ciclo in quel di Palazzolo con la rinuncia a partecipare al campionato seniores di competenza, continuando soltanto con il settore goivanile. Passate due stagioni buie, ecco la rinascita. Da una ...leggi
01/07/2020


LA NOVITA' - L'Osoppo sceglie l'invernale

Novità in casa Nuova Osoppo. Il club rossonero, ha infatti comunicato tramite il massimo esponente, Olindo Peretto, il forfait per il Campionato Carnico in quanto è in atto la cre...leggi
30/06/2020

UDINESE - Risolto il caso Barak

Il centrocampista ceco resta in Salento fino al 31 agosto. L'Udinese Calcio comunica di aver raggiunto l’intesa con l'U.S. Lecce per il prolungamento sino al 31 agosto 2020 della cessione tempo...leggi
30/06/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,40026 secondi