Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE D - I temi del turno 14. Cjarlins, riprenditi il Della Ricca

Anticipo di fuoco sabato a Belluno, domenica il match di cartello sarà Campodarsego - Adriese. Chions a Chioggia, Tamai - Montebelluna è una classifica, il San Luigi riceve il Mestre...

Nel registrare l’ennesimo esonero avvenuto in settimana al Villafranca (via Giovanni Orioli per far posto al “secondo”, il traghettatore  Giorgio Adani), scelta tecnica che segue di pochi giorni l’avvicendamento al Delta Porto Tolle (Andrea Pagan per Andrea Barella), la serie D/C nell’imminente weekend attacca il 14° gradino di una scala irta di difficoltà, ma in costante fibrillazione e carica di colpi di scena. Lo dettano le prossime 10 gare del cartellone, match in tinte forti con l’anteprima del sabato in programma al Polisportivo di Belluno trà l’undici di Stefano De Agostini e la vice-capolista Cartigliano dell’ex Alessandro Ferronato, un remake andato in onda nella scorsa primavera, il 28 aprile, in cui l’1-1 soddisfò entrambe le contendenti. E’ un Ital-Lenti BL chiamato a neutralizzare l’incostante rullino di marcia casalingo corredato da un magro bottino (8 punti), contrassegnato dai ko contro Cjarlins Muzane e Campodarsego. Ceduto il passo alla nuova leader, il Campodarsego di Tony Andreucci, i bassanesi puntano a rilanciare l’attacco alla vetta partendo proprio dal rettangolo di Piazzale Resistenza, rinverdendo così la tradizione esterna (9 punti) in cui capitan Mattioli e soci (squalificato il bomber Michelotto), hanno toppato solo nella trasferta di Este (1-0).
Chi conta di non patire di vertigini è il “Campo”. I biancorossi domenica al “Gabbiano” ospiteranno la temibile Adriese degli ex Aliù, Lauria e Florian (56 gol è il contributo del tridente prima di sfilarsi  la casacca biancorossa) di recente affrontati nel faccia a faccia di coppa dove l’undici di Andreucci ha silurato il team di Tozzo. Il campionato però ha un altro fascino, ma il cliché è glaciale con le prestazioni dei polesani. I trascorsi spingono il Campodarsego a credere in un risultato positivo. Il filotto di 4 vedetti mette in bella vista il 2-1 del 29 settembre ’13, il 2-0 del 21 settembre ’14, il 2-1 del 10 dicembre ’17 e solo il 2-2 del 21 ottobre ’18 ha ripagato gli sforzi granata.
In terza fascia non passa inosservato l’incrocio più longevo della categoria: Tamai-Montebelluna attese alla sfida n° 9^ della storia. Un Tamai che ha ricucito il feeling con la vittoria (esterna, nell’occasione) che mancava dal 5 maggio, il 3-0 conquistato al “Druso” di Bolzano. Ora le furie hanno il dovere di sbloccarsi in casa contro un’antagonista, di costume, rognosa. La tabella dei verdetti passati non appaga la sete di successo tamaiota. Il Monte infatti si è rivelato un avversario tra i più tosti e temerari sulle sponde del Livenza. La testimonia la cadenza storica con l’1-1 del 11 marzo 2012, lo 0-2 del 12 settembre 2012, l’1-2 del 6 ottobre ’13. L’inversione di rotta si è concretizzata con il 4-0 del 23 novembre ’14, abbinato all’ultimo successo (2-1) datato 6 dicembre ’15 con i gol di Sellan e Tuan. Nelle ultime tre visite i “coreani” hanno nuovamente inserito la “quinta” con lo 0-0 del marzo ’17 intervallato dal pareggio (1-1) per  completare l’opera con l’ultimo acuto, il 2-3 del 14 novembre 2018. Una data e il periodo, per nulla idilliaco per i ragazzi di Bianchini.

Occhi sul “Dalla Ricca-tabù”. A Carlino piomberà dritto il Villafranca assetato di vittoria che nella valigia blu-granata latita dal 6 ottobre, il 4-1 inflitto all’Union Feltre. E’ un “Villa” afflitto da “pareggite”: sei i confronti terminati sul pari e patta (4 privi di gol) dove è mancata l’impennata esterna. Il Cjarlins che in casa si è puntualmente rivelato prodigo nei assecondare i 90’ degli avversari, conta di marchiare la vittoria casalinga, un hurrà che sfuma dal 15 settembre, il 2-1, atteso da un… Pez, fromboliere contro l’Ambrosiana. 

Nelle alte sfere della classifica s’incastra un dichiarato Luparense-Legnago, uno spareggio per le posizioni playoff che non trova traccia passata. I “lupi” sprofondati a -7 dalla vetta, non possono più sbagliare l’approccio casalingo. Il 4-0 scandito nella porta del Belluno 1905, incastrato il 27 ottobre, non ha trovato continuità nel rendimento di Cenetti e compagni. “Al “Casée” arriva un Legnago quanto mai sornione, capace di inanellare in viaggio 10 punti.
In Laguna, a Chioggia, inondata dall’acqua alta, farà tappa il Chions di mr. Andrea Zanuttig. Una trasferta tra le più insidiose e roventi stante l’annunciato  rilancio della “Clo” concretizzatosi nella trasferta di Caldiero. E’ una Clodiense a/Chioggia a corrente alterna al “Ballarin”, dove i granata hanno prevalso sul “Campo” per 1-0  e sul Cjarlins (2-0). Il Chions si riserva l’impresa, ma i tre blitz riusciti nelle precedenti escursioni, fanno ben sperare la spedizione gialloblù. Indicativo l’1-1 della scorsa stagione, il 28 aprile.

La 14^ incastra un Delta Porto Tolle-Union Feltre palesemente tormentato dalla situazione di classifica dei polesani e dal nervosismo che domenica allo “Zugni Tauro” ha inasprito con tre “rossi” la prova  dei bellunesi di mr. Andreolla. Sulla panchina di casa siederà l’ex Andrea Pagan, mentre in campo proverà a incidere Pasi, idolo lo scorso anno del Boscherai. Nel risalire la corrente, l’Union al “Cavallari”se l’è puntualmente giocata vincendo il 24 marzo scorso per 2-0. Il precedente (1° nov. ‘17 ha fatto felici i biancocelesti della Sacca, vittoriosi per 4-3.   

C’è il derby nell’Altoveronese a testare la crisi del Caldiero Terme (380’ senza gol) in visita all’Ambrosiana. Sullo scorrevole e umido manto in sintetico del “Montidon”, sarà la muscolatura dei 22 in campo a “soffrire” le variazioni climatiche. La storia mette a bilancio passaggi molto risicati.  Sono 4 le sfide che tracciano la storia: l’1-0 del 26 aprile ’09, lo 0-0 del 2011, lo 0-1 termale del 17 aprile ’16, mentre l’ultima si è conciliata con l’1-1, il 22 gennaio ’17. La panoramica finale proietta lo sguardo verso la collina triestina, all’impegno casalingo del S. Luigi del presidentissimo Peruzzo. Sul rettangolo di via Felluga salirà il Mestre di Gianpietro  Zecchin. I bianco-verdi di mr. Sandrin adagiati con cura nel carniere i  5 punti incamerati in 270’, sperano di capitalizzare l’impegno casalingo (fondamentali i recuperi di Furlan, Mujesan e Carlevaris) e concretizzare il secondo acuto ravvicinato. Ma di fronte si parerà un Mestre in salute, col morale a mille e sorretto da uno score di 9 punti in tre gare. Chiude Vigasio-Este, 90’ indicativi sul cammino dell’Este (i giallorossi non vanno in rete da 310’) deciso a scansare il playout. Il Vigasio ha invece il dovere di fare il botto, un effetto pirotecnico che i biancocelesti  rinviano dal 29 settembre, l’1-0  accerchiato in rosso contro il Villafranca, dopo di che sul torpedone cabrio di patron Zaffani sono piovute solo sconfitte, 7 consecutive.  

Le curiosità dalla C.A.N.D. E’il mantovano Alessio Marra a tirare il gruppo nel Triveneto. Il fischietto virgiliano designato per la 3^ volta nel girone C, a Tamai, incrocerà un terzo team friulano. I responsi: Chions-U. Feltre 2-3; Villaranca-S. Luigi TS 0-0. Il pordenonese Santarossa dopo l’esordio in Caldiero-Montebelluna 1-0, raddoppia in Porto Tolle-Union Feltre. Il laziale Torreggiani impegnato a S. Luigi di TS si era esibito in Este-Luparense 2-2. Bis direzionale anche per il polesano Selvatici precedentemente in campo per Este-U Feltre. All’abruzzese Verrocchi è stato assegnato il match di Carlino. Il club di giornata tra il Campodarsego e l’Adriese vedrà alla direzione il romano Perri. Primo impatto con il girone C per Valentina Finzi, per il laziale Di Francesco, per Perri e Verrocchi, Gianquinto e il mestrino Trevisan, ex centravanti della juniores nazionali della Sacilese.  

(Nella foto l’arbitro Silvio Torreggiani in campo a S. Luigi di Trieste)

Il cartellone della domenica pronostici e gli arbitri designati

Ambrosiana-Caldiero Terme 1-X

Arbitro: Luca Selvatici sez. di Rovigo

Belluno 1905-Cartigliano X (sabato)

Arbitro: Dario Di Francesco sez. di Ostia Lido

Campodarsego-Adriese 1-2

Arbitro: Mario Perri sez. di Roma 1

Cjarlins Muzane-Villafranca 1

Arbitro: Guido Verrocchi sez. di Sulmona

Clodiense/Chioggia-Chions 1-2

Arbitro: Edoardo Gianquinto sez. di Parma

Delta Porto Tolle-Union Feltre X

Arbitro: Davide Santarossa sez. di Pordenone

Luparense-Legnago 1

Arbitro: Valentina Finzi sez. di Foligno

San Luigi TS-Mestre. X-2

Arbitro: Silvio Torreggiani sez. di Civitavecchia

Tamai-Prodeco Montebelluna X

Arbitro: Alessio Marra sez di Mantova

A cura di Flavio Cipriani


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02739 secondi