Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BRIAN LIGNANO - Codromaz: essere capitano qui è un onore

Dopo le rivoluzioni estive la squadra costruita dal ds Fabio Berti sta ingranando e crescendo anche di mentalità. E’ cambiato il modo di giocare sfruttando le potenzialità degli attaccanti ma l'obiettivo è sempre lo stesso: salire di categoria

Il Brian Lignano sta recitando un ruolo da protagonista in questa stagione nel campionato di Eccellenza dopo i cambiamenti estivi con la fusione con il Lignano e i tanti arrivi. Chi invece è rimasto a dare il suo contributo è il capitano Alessio Codromaz, sposando gli obiettivi posti dalla società. “Sono obiettivi importanti e coincidono con il mio personale, ossia salire di categoria, magari non attraverso i play-off, con i quali siamo andati ad un soffio dalla promozione la stagione scorsa, ma direttamente vincendo il campionato. Non sarà facile ma ci proveremo sino al termine. Dispiace per i compagni che sono andati via preferendo altre soluzioni, personalmente sono soddisfatto di essere rimasto assieme al mister Birtig e al suo staff. Nel gruppo sono arrivati giocatori nuovi grazie al gran lavoro del ds Berti. Ed essere il  capitano di questa squadra grande e bella è un onore”.

Il Brian Lignano è partito un po’ in sordina, ora si sta ritagliando i giusti spazi: “Avendo cambiato così tanti giocatori è normale partire un po’ a rilento dovendo anche assimilare un nuovo modo di giocare. Pian piano stiamo crescendo anche in mentalità e stiamo percorrendo il giusto binario, convinto di poter dire la nostra”.

Parlando di nuovo modo di giocare, il capitano spiega quali sono i cambiamenti: “Avendo giocatori offensivi molto prestanti e veloci abbiamo abbandonato il vecchio sistema di smistare palloni a centrocampo e sulle fasce per passare ad una manovra, iniziando sempre dalla difesa, ma allargando sulle fasce diversamente per sfruttare le potenzialità degli attaccanti”. (f.p.)   

https://i.imgur.com/y9TrPnz.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/11/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02237 secondi