Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


PRIMA C - Cade (in piedi) il Santamaria, s'impenna la Roianese

E’ l’Ufm con il neo acquisto Damiani a dare il primo dispiacere alla truppa di Chiarandini. Avanzano Zarja e San Giovanni, quest’ultimo corsaro a Doberdò. Aquileia sterile, precipita al penultimo posto. Sangiorgina in nove non regge Mariano. Di rigore l’Ism pareggia il derby a San Canzian. Primo punto casalingo per il Gonars

Dopo 12 partite termina l’imbattibilità del Santamaria, caduto a Monfalcone ma rimane saldamente in testa con 4 punti di vantaggio sull’avanzato Zarja. Con i nuovi innesti l’Ufm sembra aver cambiato faccia. Il Santamaria ha fatto vedere che non per nulla si trova in vetta al campionato, ma oggi i locali erano troppo concentrati e vogliosi di vincere. La rete è arrivata da un batti e ribatti, Sangiovanni serve il classe 2001 Damiani, oggi all'esordio, e mette in rete.
Lo Zarja vince 1-0 la gara casalinga con l’Isonzo ma il risultato di parità, per quello che si è visto in campo, sarebbe stato più giusto. In una partita dove gli ospiti hanno giocato bene, forse meglio della seconda della classe, ma un'ingenuità quasi alla fine della gara, un fallo da rigore evitabilissimo, permetteva ai padroni di casa di realizzare, con Zucchini, il penalty. Nei minuti finale occasionissima per l’undici di San Pier, la palla ballonzola vicino alla linea di porta ma non ne vuole sapere di entrare in porta.
Il San Giovanni espugna il campo del Mladost per 2-1, in una gara dove ha visto i padroni di casa passare in vantaggio nei primi minuti della partita con Iodice; i triestini non si sono persi d'animo, hanno reagito, prima son pervenuti al pareggio con Davanzo e successivamente son passati in vantaggio con il loro bomber principe Ruzzier. Hanno saputo contenere l'arrembaggio della squadra locale e portare a casa tre importanti punti per la classifica.
Colpo grosso della Roianese in coda, vince ad Aquileia, inguaiando di brutto la compagine friulana, e raggiunge Ism e Sangiorgina al terzultimo posto. Il successo è frutto di una ripartenza, un'azione in contropiede e Giulio Cigliani mette la palla nel sacco.  Segue un dominio sterile dell'Aquileia che non trova mai uno sbocco per metterla in rete. Se non si tira in porta, non si fanno i gol, e non si fanno i punti.
Cade il Ruda sul campo del Domio per 2-0 e il gol, in apertura al 1' su rigore di Lapaine, ha reso la gara molto più tranquilla e in discesa per i padroni di casa, che poi, con una azione corale, sono riusciti a raddoppiare a metà del primo tempo con Pajkic. Ruda nell'arco dei 90' non si è reso mai pericoloso: perciò meritata la vittoria per i padroni di casa.  
Sale al sesto posto, assieme al Domio, anche il Mariano vincendo una gara equilibrata fino alla mezzora della ripresa. Nessuna delle due squadre riusciva a prevalere, ma, con due espulsioni, la Sangiorgina rimaneva in 9 uomini, anche se proprio gli ospiti potevano passare, ma la difesa locale riusciva a fermare la minaccia. Poi, su veloce azione, Turus serviva Piras, il suo lancio trovava libero F. Olivo che da pochi passi metteva in rete l’1-0 decisivo.
Termina 2-2 il derby isontino fra San Canzian Begliano e Ism Gradisca, una gara rocambolesca con continui ribaltamenti di risultato; dopo il vantaggio ospite di Campanella, il San Canzian ruggisce, pareggia con Aristone a 16’ della ripresa e passa poi in vantaggio alla mezzora con l’ex Ronchi Dominutti, all'esordio. Sembrava fatta, quando un'ingenuità difensiva permetteva all’Ism di andare sul dischetto con Savic che non falliva il penalty.
Nell’anticipo di sabato primo punto casalingo per il Gonars, dopo quello ottenuto la volta scorsa a Gradisca. Con la Gradese termina 1-1 una bella gara equilibrata e combattuta, entrambe le squadre hanno avuto delle nitide azioni da gol non sfruttate a dovere; per la Gradese Dean si è mangiato due reti a tu per tu con il portiere, colpendo anche una traversa. Dal canto suo anche il Gonars con Toffoli e Notarfrancesco ha fallito un paio di gol facili. Proprio con questi due giocatori è arrivato il gol, quando sembrava che la gara finisse con uno 0-0. Al 92' un millimetrico cross di Toffoli e Notarfrancesco la mette in rete, neanche finito di gioire che Paolucci ristabilisce la parità.  

Livio Nonis 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/12/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



ESTERO - Il Covid ritarda la serie A slovena

Il Covid - 19 non è per nulla debellato. Anzi. Ne sa qualcosa la vicina Slovenia, che ha visto nuovamente impennare i contagi verso cifre preoccupanti. Di questa situazione ha risentito anche il campionato di calcio...leggi
12/08/2020


SOVODNJE - C'è Zanier per la porta

Cambio di destinazione per il portiere classe ’99 Anej Zanier. L’ex Pro Gorizia, Sistiana e, nelle ultime due stagioni, con gli sloveni del Tabor Sežana, inizialmente pare...leggi
11/08/2020





LA FORTEZZA - Il ritorno di Mauro Musig

Dopo due anni dall’ultima esperienza, la compagine gradiscana decide di riaffidare la gestione tecnica a mister Mauro Musig per cercare di rivitalizzare l'ambiente dopo l'ultima ...leggi
02/08/2020







FIGC - Ripartire. Come e in che modo?

Un breve servizio di Rai regione al Tg domenicale ha ripreso alcuni punti fondamentali sulla prevista ripartenza dei campionati dilettantistici e giovanili. A tal proposito il presidente della Federcalcio regionale ...leggi
26/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,24876 secondi