Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SECONDA B - Cecchini fa impazzire Dessì, l'arbitro il Moimacco

Il portiere toscano respinge 3 dei 4 tentativi di trasformare un rigore in cui si è cimentato il bomberone del Mereto. In due occasioni il fischietto ordina la ripetizione del tiro: "Da noi in Toscana c'è molta più gente a vedere le partite. Questo Moimacco esprime un buon calcio". Gianmaria è arrivato in Friuli per amore

Cose mai viste o quasi ieri a Moimacco, durante la sfida valida per la seconda di ritorno tra la formazione di casa e la corazzata Mereto, viceregina del girone B di Seconda categoria. 
La prestazione dell'arbitro Cavalleri di Udine, in effetti, ha lasciato il segno, in particolare per i rigori concessi e fatti calciare nuovamente agli ospiti. 
A raccontare l'accaduto è il ventisettenne portiere del Moimacco, il toscano Gianmaria Cecchini, giunto da un in Friuli "per amore. Al 30' del primo tempo viene concesso un penalty inesistente al Mereto. Calcià Dessì, respingo il tiro, respingo anche la ribattuta, l'arbitro però decide di far ripetere il rigore e non sappiamo il perché. Nuovamente Dessì si presenta sul dischetto e stavolta mi supera. Secondo tempo: dopo 15' il direttore di gara concede un nuovo rigore al Mereto, pure questo dubbio. Dessì calcia, lo paro; e ancora una volta l'arbitro ordina di ripetere la massima punizione. Ci prova Dessì, gli respingo anche il nuovo tentativo. Alla fine, il fischietto un rigore l'ha assegnato anche a nostro favore, lo ha realizzato Spaziante, ma eravamo già sotto e la gara era compromessa".

Non è nuovo a ipnotizzare gli avversari che si presentano sul dischetto, Cecchini: "Prima di ieri avevo neutralizzato un rigore l'8 dicembre durante la gara con l'Atletico Grifone. Diciamo che sono soddisfatto di come sto giocando tenuto conto che arrivavo da 4 anni di stop. Devo ringraziare il Moimacco che mi ha dato fiducia, in Toscana militavo nel Barbarasco, formazione della Prima categoria della Lunigiana. Rispetto a qui c'è più lotta e, soprattutto, a veder le partite c'è molta più gente". 

Gianmaria Cecchini torna sulla sconfitta col Mereto di ieri: "Abbiamo giocato alla pari per 70', e forse meritavamo anche qualcosa di più dei nostri avversari. Poi, alla distanza, non siamo riusciti a resistere, loro sono una squadra assai forte, gli episodi però ci hanno penalizzato, non solo i rigori ma anche un autogol. Questo è un bel campionato, non ci sono partite scontate, mercoledì ci misureremo col Pagnacco primo in classifica; per ora nessuna ci ha messo sotto nettamente, però abbiamo raccolto meno di quello che abbiamo seminato esprimendo un buon calcio".

https://i.imgur.com/cDXE3CT.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01967 secondi