Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL PERSONAGGIO - Jessy Specogna si diverte al Campeglio

Il centrocampista svela alcuni retroscena del suo trasferimento agli amatori e ripercorre il film di questi mesi tribolati per la squadra che ha l’obiettivo della salvezza. Le ultime due partite, però, hanno ridato fiducia al gruppo. Stasera sarà in campo a Laipacco per l’inizio del girone di ritorno

Come i dilettanti della Figc, anche gli amatori della Lcfc sono alle prese con i diversi recuperi. In questi giorni non c'è stata tregua: la pausa classica di fine anno è in parte saltata e uno di questi recuperi riguarda il Campeglio. A parlarci di questa gara contro il Pozzuolo è il centrocampista Jessy Specogna, da quest’anno in forza alla formazione guidata da Giorgio Basso.

“Sabato abbiamo giocato il recupero della settima giornata, vincendo a Pozzuolo per 1-0 una partita  difficile. Era l'ultima spiaggia per rimanere agganciati alla zona salvezza, trovandoci a cinque punti di distanza, e se avessimo perso saremmo stati praticamente spacciati. Con questa vittoria ci siamo rilanciati anche prepotentemente. E’ stato un 1-0 sudato, avendo giocato praticamente quasi tutta la gara in inferiorità numerica, però in contropiede siamo riusciti a colpire con il gol del capocannoniere Marco Profeta. Siamo riusciti a strappare con le unghie e con i denti i due punti”.

Arrivi dai dilettanti con trascorsi a Buttrio e Moimacco, come mai questa scelta?
“Le ultime stagioni le ho giocate a Moimacco e anche quest'anno ho svolto un parte della preparazione con loro. Il fatto che la squadra sia stata ripescata in Seconda categoria mi ha spinto ad andar via per trovare maggiore spazio e con l’apporto di alcuni amici ho fatto la conoscenza con il Campeglio. Ho provato con loro per qualche settimana e mi sono trovato decisamente bene, il gruppo è buono e con l'allenatore ho avuto subito un buon rapporto. E’ un campionato impegnativo, si gioca per evitare la retrocessione, non come una Terza categoria nella quale se non hai un obiettivo vincere o perdere è la stessa cosa.  Nonostante ci troviamo in una categoria amatoriale ci sono più stimoli, il nostro punto d’arrivo è quello di salvarci e con queste premesse mi sto trovando bene. Il campionato è competitivo ed ha buone individualità”.

Nel giro di pochi chilometri avete affrontato diversi derby: c’è da divertirsi.
“Oltre a noi in zona ci sono i Gunners, la Dinamo Korda ed il Racchiuso. E proprio con quest'ultima squadra abbiamo ottenuto la nostra prima vittoria in campionato, sul finire del girone d’andata. E’ andata decisamente peggio contro i Gunners, dove abbiamo subìto una sconfitta pesante. A nostra difesa c'è da dire che erano le prime partite di campionato ed eravamo ancora in fase di rodaggio. Contro la Dinamo abbiamo disputato una bella partita finita 4-4, ricca di colpi di scena. Vincevamo 3-0, ci hanno superato e nel finale l’abbiamo rimessa in piedi”.

In questo campionato ci sono giocatori dai trascorsi importanti.
“Soprattutto la coppia d’attacco dei Gunners, Caruzzi e Lima, che sono i calciatori che mi hanno maggiormente colpito, ma non sono gli unici. Nel complesso tutta la squadra mi ha dato la miglior impressione in questo girone d’andata”.

Il Campeglio ha le carte in regola per salvarsi?
“Speriamo di si. Ce la stiamo mettendo tutta anche durante gli allenamenti. Le ultime due partite sono andate bene, vincendole entrambe siamo riusciti a raccogliere quattro punti. Da adesso in poi non possiamo più sbagliare, a tre punti dalla salvezza il margine di errore è elevato e con solo due punti in palio per la vittoria non è facile risalire la china, soprattutto se non si inizia subito a vincere. Non siamo partiti con il piede giusto ed ora dovremo imporci soprattutto negli scontri diretti, solo così potremo guardare alla salvezza”.

Il campionato riprende, qual è il vostro primo impegno?
“Questo venerdì giocheremo in anticipo a Laipacco contro i Warriors e sarà una gara impegnativa. All’andata finì 1-1 ma eravamo ancora da collaudare. Giocammo molto bene, meritando di vincere. Se ciò fosse avvenuto, forse ci sar
ebbe stata la sterzata che ci avrebbe fatto partire in un altro modo. Speriamo di rifarci questa sera e di iniziare il girone di ritorno con il piede giusto. Sicuramente su quel campo nulla è scontato”.

Foto Paolo Sant, per gentile concessione Lcfc.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02917 secondi