Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TERZA B - Modotto: ora vedremo di che pasta siamo fatti

Le dichiarazioni del tecnico del Comunale Lestizza, che si trova al terzo posto del girone B di Terza Categoria

Grazie ai puntellamenti effettuati all'inizio di questa stagione, il Lestizza sta disputando un ottimo campionato, che fino ad ora lo vede sul gradino più basso del podio preceduto da Real Cussignà e Villanova. Mister Daniele Modotto ci spiega com'è iniziata questa stagione e come spera che possa andare a finire: "Questa è la prima stagione intera che faccio a Lestizza perchè l'anno scorso sono arrivato a novembre. Quest'anno sicuramente abbiamo un organico più numeroso, perchè l'anno scorso siamo andati in difficoltà, eravamo troppo pochi. Purtroppo anche quest'anno abbiamo qualche difficoltà nella costanza degli allenamenti però rispetto all'anno scorso abbiamo più quantità e qualità. La filosofia resta quella di impiegare calciatori esclusivamente della zona".

Due nomi particolarmente significativi per il mister, tra vecchia guardia e nuovi talenti:
"Ci sono molti giocatori che stanno dando tanto in termini d'impegno, di tecnica e di valore caratteriale. Mi fa sempre piacere nominare il nostro capitano, Federico Ecoretti, che è l'emblema del nostro zoccolo duro nonostante sia solo un classe '97. E' qui da diversi anni e quest'anno ha avuto l'occasione di indossare la fascia grazie anche all'ex capitano Thomas Gallo che ha voluto premiarlo con questo prestigioso incarico. Secondo me sta crescendo molto proprio per questo suo nuovo ruolo, soprattutto a livello umano. Tra i nuovi cito Elia Borsetta che per qualità potrebbe giocare senz'altro in categorie superiori. E' entrato nel gruppo con grande umiltà, intelligenza e grinta, diventando fin da subito un riferimento per i compagni. Loro due rappresentano la parte consolidata e quella nuova di questo gruppo che vogliamo far fondere al meglio".

Un girone d'andata ampiamente soddisfacente, ma il bello arriva adesso:
"Ora abbiamo due mesi fondamentali, abbiamo avuto il merito di arrivare nelle zone alte della classifica e sembra proprio che la strada intrapresa sia quella giusta. Dobbiamo proseguire e tener duro in questi mesi che, di solito, sono quelli più duri e purtroppo sempre accompagnati da numerose assenze a causa dei più disparati motivi. Ora vedremo di che pasta siamo fatti".

Tante le compagini che rendono avvincente questo girone:
"Ci sono tante squadre che mi hanno colpito particolarmente: il Montebello, il Cussignacco che sono lì davanti. Anche il Villesse è un'ottima squadra o il Villanova che è una squadra solida con tanta qualità in avanti, mi sembra la più quadrata del girone. Mi sono piaciute anche il Pozzuolo ed il Deportivo che vogliono esprimere un tipo di gioco interessante".

Il livello, a dispetto della categoria, è molto alto:
"L'anno scorso ho avuto la fortuna di disputare il girone A che mi ha fatto divertire in diverse partite, non sembrava la Terza Categoria. Quest'anno ho ritrovato diverse squadre di caratura decisamente superiore come Cussignacco, Villanova o Montebello, sono avversari con cui fa piacere giocare".

https://i.imgur.com/81Ruui0.jpg

https://i.imgur.com/VebQJJo.jpg

https://i.imgur.com/Idx8rHC.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 05/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...






IL PERSONAGGIO - Ottant'anni di Gigi Gressani

Stavolta si è presentato. Arzillo, pimpante e un tantino commosso. Non come nel 2017 quando il Comune di Tavagnacco, assegnatogli un premio alla carriera, si vide “ricompensato” dalla sua…assenza. Gigi Gre...leggi
27/06/2020










LA STORIA - Yasmine Kabine sulle orme di papà

Sta muovendo i primi passi nel mondo del calcio, nel giocare a calcio: eppure, Yasmine Kabine, ha già dimostrato che buon sangue non mente. Che i geni, il dna contano. Yasmine, classe 2006, è la primogenita di Mehdi Kabine, la stella più brillante del Cjarlins Muzane. Ha respirato, Yasmine, calc...leggi
19/02/2020



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,93215 secondi