Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - Sacilese-Tarcentina nel segno di Mauro Lizzi

Vittoria importante per il nuovo tecnico biancorosso, che ritrova da ex i suoi "Canarini"

Intrecci, corsi e ricorsi storici che rendono unico il calcio. E' il caso di Mauro Lizzi, da due settimane allenatore della Sacilese e che nell'ultimo turno ha dovuto affrontare la Tarcentina, sua ex squadra sia da calciatore che da allenatore. Tutto viene reso ancor più speciale se pensiamo che questo incontro mancava dai campi da ben trentatrè anni e che in quell'occasione lui difendeva i pali proprio dei "Canarini": "Giocarci contro è stato strano, soprattutto perchè metà squadra è composta da ragazzi che avevo anch'io due anni fa. E' la storia di due grandi società: una, la Sacilese, che quest'anno compie cent'anni e l'altra, la Tarcentina, che è del 1923. Due club storici e così importanti si ritrovano dopo trentatrè anni e nell'ultimo Sacilese-Tarcentina, dell'aprile dell'87, io difendevo i pali dei gialloblu".

Il ritorno, in qualità di ex, dà sempre emozioni speciali:
"Ci pensi prima della partita, ma una volta in campo sei concentrato. Non mi sono mai girato verso la tribuna, dovevo pensare ai miei ed al presente".

L'inizio della sua avventura sulla panchina della Sacilese:
"Un cambio in panchina crea sempre un po' di tensioni ed incertezze. La Sacilese non può nascondersi perchè è una società che vuole far bene, positivi i risultati ma devo dire un po' meno il gioco. Si potrebbe far meglio".

Le sue impressioni sul girone:
"L'eliminazione della Serie C2 ha innescato un effetto a catena che ha portato tanti ottimi giocatori in Promozione. Credo che la parte sinistra della classifica sia di livello alto e, rispetto a qualche anno fa, anche il girone A ora è molto divertente. Avere squadre storiche come Sacilese, Spal, Sanvitese, Vivai e Prata abbia fatto alzare di molto il livello. I ritmi sono un po' più bassi rispetto all'Eccellenza ma ci sono comunque degli ottimi valori".


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05785 secondi