Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


LCFC PN - Baradel: lo scopo è far giocare tutti. Attenti al Forcate

Il presidente del Due Elle non ambisce a posizioni di vertice e preferisce tenere unito il gruppo ed evitare l’addio di chi giocherebbe meno. Non si sbilancia sulle candidate al titolo ma si preoccupa per un Forcate rivitalizzato. Sul campionato: “Dobbiamo fare i conti con la disponibilità dei giocatori. Ad ogni gara c’è un formazione diversa”. E ancora: “Sarebbe più attraente giocare tutti lo stesso giorno”

Nel massimo girone pordenonese della Lcfc, la Premier League, al cui comando c’è la coppia SacileBelfiore, l’unico pareggio nell’ultimo turno di campionato è quello colto dalla Due Elle fuori dai confini regionali, a Vittorio Veneto.

La società sta navigando a metà classifica, con 12 punti in carniere con l’occhio attento a chi gli sta dietro. Una stagione non esattamente come auspicata dal suo presidente Claudio Baradel il quale evidenzia i vari problemi connessi alla diversa formazione che il mister deve varare ad ogni partita.

“Non stiamo seguendo le aspettative prefissate in estate, siamo nel limbo della classifica ma purtroppo dobbiamo fare i conti con le disponibilità dei giocatori. Ad ogni partita scende in campo una formazione diversa causa infortuni e questo non permette una certa regolarità. Quando eravamo tutti disponibili abbiamo dimostrato di essere una buona squadra e di non aver timore di chicchessia. I due recuperi di gennaio non sono andati bene, un po’ per demerito nostro ma anche per mancanza di giocatori”.

Parliamo della sua F.P. Due Elle, qual è il significato della denominazione:
“E’ l’acronimo della fusione FontanafreddaPorcia. In realtà siamo la storica società San Giorgio, e deriva dal nome del patrono dei due comuni. La squadra ha invece la denominazione del nostro sponsor Due Elle di Fagnigola del nostro vice presidente Sante Santarossa”.     

I vostri obiettivi di inizio stagione:
“La nostra finalità era di un campionato di metà classifica, con lo scopo di far gruppo, far giocare tutti i componenti la squadra. Questo perché facendo giocare i migliori e lasciando sempre in panchina chi ha meno tecnica c’è il serio rischio di vedere l’abbandono nella stagione successiva di questi ragazzi, anche di quelli che giocherebbero sempre. Il nostro credo è di fare delle buone prestazioni, seppur limitative per i motivi citati, e anche un buon gruppo al chiosco. Pochi giorni fa ho detto alla squadra che da qua alla fine del campionato, se pareggiassero tutte le partite sarei contento, sarebbe il top. Sono altre squadre che puntano a vincere il campionato”.

E quali sarebbero:
“L’argomento è tosto. Tutte le squadre hanno dei problemi con defezioni varie e lasciano per strada dei punti. Il Valcolvera è una bella formazione ma non avendo una giornata fissa di gara devono ogni volta fare i conti con i disponibili. Il Belfiore, squadra tosta, sta stare molto bene in campo, composta da giocatori molto esperti. Se devo dire la verità, puntavo molto sul Sedrano, ma ultimamente ha fatto delle prestazioni non troppo convincenti. C’è anche il Giais ma per rimanere nei piani alti deve fare affidamento sul giocatore Lorenzin, preso però da diverse problematiche. E direi anche il Sacile, gruppo giovane, molto valido anche se l’ultima partita l’ha persa”.

Chi invece delude è il Forcate:
“Hanno avuto una rosa ridotta in questa prima parte di stagione, ora dovrebbero aver recuperato qualche giocatore e innestato qualche altro elemento per rinforzarsi. Quindi aspettiamoci una bella gatta da pelare. La società è sempre di alto livello, purtroppo giocare nei vari giorni della settimana condiziona anche loro”.

Quale soluzione sarebbe auspicabile:
“Sarebbe molto più attraente e convincente un campionato in cui tutti possano giocare il sabato pomeriggio o comunque in un’unica giornata di gara. Purtroppo non è possibile attuare. Ci sono degli equilibri specifici dei campionati amatoriali”.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



CSI - Cambio al timone, Viel subentra a Venier

Dopo tre anni alla guida della squadra, causa impegni di lavoro, lascia la società Prata il  mister Pierangelo Venier al quale va tutta la riconoscenza per il lavoro svolto con professionalità ed impegno...leggi
06/07/2020





UISP CSI - Nulla è ancora deciso sui campionati

Mentre la Lega Calcio Friuli Collinare ha già ufficializzato il “rompete le righe” con l’annullamento della stagione 2019/20 e la Figc sta cercando di capire come, se, e con che modalità concludere questo campionato sui camp...leggi
20/04/2020



LCFC - Proroga sospensione fino al 15 aprile

Il consiglio direttivo della Lcfc del 31 marzo ha deliberato di prorogare la sospensione dell’attività già in essere, fino al 15 aprile 2020. Il Consiglio si è inoltre riservato ogni altra decisione in ...leggi
01/04/2020

LCFC - Nessun comunicato, occhio alle bufale

Purtroppo ci sono ancora diverse persone che definirle “imbecilli” è poco quando diffondono notizie prive di fondamento o del tutto false, le cosiddette “fake news” e chi le divulga è passibile di den...leggi
16/03/2020

UISP - Preoccupano le incongruenze del Dpcm

L’Uisp tiene a sottolineare la propria responsabilità sociale circa le misure adottate per contenere l'emergenza epidemiologica del Covid-19. La salute, in particolare la salute pubblica, come diritto e bene primario per ogni ...leggi
05/03/2020






Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,39809 secondi