Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TERZA B - Corazza: migliorare e programmare il prossimo campionato

La determinazione del tecnico dell'Assosangiorgina: "Essere ripescati adesso sarebbe inutile"

Un campionato difficile per l'Assosangiorgina di mister Michele Corazza che descrive così l'inizio del girone di ritorno: "Siamo partiti un po' balbettando ed abbiam preso delle "bastonate" che nel girone di ritorno di solito non abbiamo mai preso. Ho provato a cambiare qualcosa e domenica contro il San Gottardo abbiam vinto, spero che siano bastate queste modifiche a farci invertire la rotta per il match contro il Montebello".

Unico obiettivo, programmare con calma il prossimo campionato: "Quest'anno non essendoci i playoff bisognerebbe arrivare quarti in ottica ripescaggio. Non è un'occasione che ci interessa e siamo già proiettati nella programmazione del prossimo campionato. Sarebbe inutile esser ripescati senza essere in grado di affrontare la Seconda Categoria".

La qualità del torneo è alta: "Questo girone si avvicina molto alla Seconda Categoria, grazie a squadre blasonate che alzano il livello. E' un campionato in cui puoi vincere o perdere con tutte, le squadre sono tutte ugualmente organizzate. E' una bella esperienza che definirei entusiasmante".
Lestizza modello da seguire: "Ho visto un paio di giovani bravi nel Lestizza. Sta facendo belle cose il Deportivo, il mister Paolo Peressotti ha cresciuto tanti ragazzi che ha portato in prima squadra dagli allievi. Si è formata una bella amalgama e penso che l'anno prossimo potranno lottare per il salto di categoria".

Per la prossima stagione occorrerà rimpolpare la rosa: "Ci mancano due o tre giocatori che possano farci segnare. Abbiamo troppa difficoltà nel segnare. L'obiettivo è migliorare di anno in anno e penso che con almeno un giocatore importante per reparto, la squadra potrebbe girare meglio".

Gli obiettivi in classifica sono ormai svaniti, ma il mister tiene comunque alta la tensione del suo spogliatoio: "L'importante è inculcare nei ragazzi una certa mentalità. Lunedì ci siamo allenati in diciannove, quindi penso di riuscire ad insegnare i valori della professionalità ai miei ragazzi. Dobbiamo avere degli obiettivi personali, all'interno dello spogliatoio, per migliorare gradualmente".


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,02386 secondi