Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


ACCADDE OGGI - Quella maledetta domenica

Quaranta anni fa (era il 23 marzo del 1980) una delle pagine più brutte del nostro calcio. La Guardia di Finanza irrompe in sei stadi, procedendo ad arresti illustri: è il Totonero. E alla fine l’Udinese fu ripescata in serie A

C’è stata l’onta della Corea del Nord (Mondiale inglese del 1966: quello dove, come cantò in seguito Venditti, “La Regina d’Inghilterra era Pelè”), abbiamo attraversato, sopportando - forse perché poco dopo arrivò il trionfo di Berlino - Calciopoli (2006). Ma anche nel 23 marzo del 1980, il calcio italiano non si sentì tanto bene.

Era una domenica bigia, piovosa: quasi un sinistro presagio di quello che sarebbe accaduto nel pomeriggio. Si giocava la giornata numero 24 della serie A, allora a 16 squadre: e in sei stadi della penisola (l'Olimpico di Roma, San Siro a Milano, il Marassi di Genova, il Partenio di Avellino, la Favorita di Palermo e l’Adriatico di Pescara) piombò - su auto e camionette, con effetto mediatico probabilmente eccessivo - la Guardia di Finanza, arrestando 13 persone. Nel mucchio: il presidente del Milan Colombo, i rossoneri Albertosi e Giorgio Morini, Giordano e Manfredonia della Lazio, i perugini Della Martira e Zecchini). L’accusa? Si vendevano le partite: scommettendo contro se stessi, sulla sconfitta della propria squadra. Lo tsunami fu generato da due scommettitori clandestini romani: Alvaro Trinca (un ristoratore) e Massimo Cruciani (commerciante all’ingrosso di ortofrutta). Entrambi accusarono i giocatori di averli clamorosamente truffati: alcuni risultati “concordati” a tavolino non si sarebbero infatti verificati sul campo, causando “perdite” di decine di milioni di lire. Il cosiddetto “Totonero” passò alla storia con varie condanne (compreso Paolo Rossi, accusato di aver partecipato alla “spartizione” della torta di un Avellino - Perugia terminata 2-2, con doppietta dell’attaccante poi risorto al Mundial spagnolo del 1982) e con la retrocessione in B di Lazio e Milan. A beneficiarne fu l’Udinese, ripescata e ai nastri di partenza in serie A anche la stagione successiva. Che si concluse con la “drammatica” salvezza ottenuta dai bianconeri di Enzo Ferrari all’ultima giornata (era il 24 maggio 1981), anche grazie alla complicità del Napoli…


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



UDINESE - Il cuore d'oro di Troost Ekong

Entrambi difensori e fasciati dagli stessi colori, il bianco e il nero: si tratta di Giorgio Chiellini, capitano della Juventus e di William Troost - Ekong, il centrale dell’Udinese. Si segnalano per essere gli unici...leggi
31/03/2020


IO GIOCO A CASA - Rubrica per allenamenti calcistici

Nella speranza di riprendere presto possesso degli ampi spazi a cui tutti siamo abituati, le redazioni di Friuligol - Umbriagol, in collaborazione con due giovani tecnici, ha inteso organizzare una serie di allenamenti pi&...leggi
31/03/2020


VILLANOVA - Lo splendido gesto di Finotto e compagni

I giocatori del Villanova dello Judrio hanno deciso di donare l'importo delle multe accumulato al momento della sospensione dell'attività calcistica all'azienda sanitaria del Friuli Centrale comprendente anche l'ospedale di ...leggi
31/03/2020

RIVEDIAMOLI - Manzano, c'era una volta il torneo dei Borghi

L’iniziativa fu un successo immediato, centrò subito il suo obiettivo andandone anche oltre: le famiglie manzanesi, sportive e non, si ritrovarono, tornarono ad incontrarsi, a discutere ed a battersi assieme nelle settimane della manifestazion...leggi
29/03/2020




IL LUTTO - Il Sedegliano piange Carlo Montina

Mondo del calcio in lutto per la scomparsa di un altro dei suoi splendidi protagonisti, ossia Giancarlo Montina. In particolare, vive questa perdita con intensità e dolore il Sedegliano, club del quale Carlo è stato i...leggi
26/03/2020




IL LUTTO - Ci ha lasciati Ermes Cont

E' mancato Ermes Cont, classe 1961: avrebbe compiuto 59 anni il prossimo mese di giugno. Soprannominato “Ghigne”, arbitro della Lega Calcio Friuli Collinare, da 15 anni iscritto nel movimento amatoriale...leggi
25/03/2020



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,01683 secondi