Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


FOCUS - Decreto Cura Italia: gli aiuti economici al calcio dilettanti

Cassa integrazione, indennità e sospensione dei versamenti sono alcuni dei benefici indirizzati ai lavoratori dipendenti



Per fare fronte all’emergenza economica legata al tentativo di arginare la diffusione del coronavirus Covid-19, il Consiglio dei minisitri ha approvato il decreto “Cura Italia” che contiene anche gli interventi e gli aiuti economici a sostegno di tutto il mondo dello sport.
Tali misure, dunque, non sono dirette solo ai grandi club di Serie A ma si rivolgono a tutte le società sportive, a tutte le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e a tutti gli enti di promozione sportiva.

Le misure varate sono le seguenti
Cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori dipendenti;
Indennità per tutti i lavoratori autonomi e i collaboratori;
Sospensione dei versamenti (Irpef, Irap, Iva, contributi previdenziali e assistenziali);
Sospensione di affitti e canoni di locazione;
Sostegno finanziario per garantire l’accesso al credito;
Credito di imposta per la santificazione degli ambienti;
Potenziamento del piano “Sport e Periferie” rivolto ai Comuni.

Coronavirus, gli aiuti economici alle associazioni sportive
La cassa integrazione in deroga
La cassa integrazione in deroga prevista per i lavoratori dipendenti vale anche per il mondo sportivo. Sarà dunque garantita a tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli delle società sportive e delle associazioni sportive dilettantistiche (ASD).

Indennità per i lavoratori autonomi e i collaboratori
Grazie ad una norma specifica inserita nel decreto legge, l’indennità di 600 euro una tantum per gli autonomi e i collaboratori è stata ampliata per comprendere anche i collaboratori delle società sportive e delle associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e degli enti di promozione sportiva, i quali per il loro status giuridico sarebbero rimasti esclusi. Nel computo sono compresi anche coloro che restano sotto la soglia dei diecimila euro annuali.

(FONTE: calcioefinanza.it)


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...








ISONTINO - Marco Piscopo alla Juventina

Non sono molte le novità di questo lunedì, se non il colpaccio della Juventina che si è assicurata le prestazioni di Marco Piscopo, da poco “silurato” dai cugini d’ol...leggi
06/07/2020




MLADOST - Andrea Cossar al volante

Cambio della guardia ai vertici societari del Mladost con le dimissioni per motivi personali di Nordio Gergolet, al suo posto sullo scranno di comando siede ora ...leggi
02/07/2020







Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,41581 secondi