Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


L'INTERVENTO - Gravina: ecco la Lega Pro che abbiamo in mente

"Una C elitè a 20 squadre con le migliori delle classifiche in corso. Le altre quaranta in due gironi semiprofessionistici". Si garantirebbe la gestione per tanti club in un momento cosi difficile: "Anche Ghirelli è favorevole"

Una Lega Pro Elite con 20 squadre e due gironi da 20 squadre in una serie semi-professionistica, una specie di ritorno alla C1 e alla C2  (stile anni 90), per ridare linfa vitale alla terza serie nazionale. E’ quanto ha ribadito nella giornata di oggi il presidente della Figc Gabriele Gravina (foto), ospite al programma 'L'imprenditore e gli altri' condotto da Stefano Bandecchi, fondatore dell'Università Niccolò Cusano su Radio Cusano Tv Italia. Tra i vari argomenti trattati è chiaro che l’attenzione è stata principalmente rivolta alla Serie C con una proposta precisa volta a rivoluzionare il mondo dei professionisti: “Conosco bene la Serie C benissimo: l’ho presieduta e uno avuto anche un club di Serie C per anni. Le difficoltà sono di sistema e dobbiamo cogliere l'occasione per fare una rivoluzione culturale, un nuovo approccio nell'ambito della gestione. Sulle proposte che ho avanzato ci stiamo anche confrontando. Bisogna tornare a un'eccellenza di Serie C di 20 squadre e poi 40 squadre in un'altra serie semi-professionistica. Per individuare le squadre che devono far parte di una C d'elite basta seguire la classifica, ci sono società che arrivano prima delle altre. Queste decisioni dipendono dalla Lega Pro, il presidente Ghirelli già conosce questa proposta ed è favorevole, ma dipende dalle società".
Ottimizzare i costi e rivoluzionare il profilo del calcio italiano: chiaro che un panorama simile andrebbe ad incidere numericamente anche sulla Serie D, con una diminuzione quasi fisiologica del numero dei gironi. Ci sono le condizioni e i tempi per mettere mano alla struttura dei campionati: pensare di tornare in campo quest’anno sta diventando quasi utopia.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 30/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...









ECCELLENZA - Pro Fagagna! Flaibano! Lumignacco!

Ricompattamento ai vertice della classifica dell'Eccellenza. La Pro Fagagna supera con un dirompente 3-0 il Torviscosa e si porta a sole due lunghezze dalla capolista; e approfittano della caduta della squadra di Pittilino anche Manzanese e Brian Lignano, ora a soli 3 punti dalla ve...leggi
22/01/2020

CANCIANI - La disamina del presidente sul calcio regionale

Il commento sulla ripartenza del campionato di Eccellenza, dopo la finale di Coppa Italia:"Abbiamo avuto diverse problematiche meteorologiche nei mesi di Novembre e Dicembre. Ora sembra che le cose vadano per il meglio, speriamo che si possa giocare con più regolarità". Mentre sulla finale di Coppa ...leggi
13/01/2020

CURIOSITA' - Stretching dinamico o statico?

In un’intervista al Dott. Gian Paolo Cantamessa (Medico Sportivo) dal titolo “contrattura, stiramento e strappo: se li conosci li eviti”, si accenna di stretching ed in particolare della messa al bando nel calcio di quello statico a favore di quello dinamico.In un recente pre-partita di Champion’s si &e...leggi
28/03/2020








Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,29342 secondi