Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


IL PERSONAGGIO - L'addio di Costantini: deluso dai modi

L'ormai ex direttore tecnico della Liventina pensa già al futuro: "Ci sono trattative ben avviate con una società in particolare ma non dico niente per scaramanzia"

Triestino d'adozione e bandiera rossoalabardata, con quasi quattrocento presenze all'attivo tra Serie B e C. Stiamo parlando di Maurizio Costantini, il responsabile dell'area tecnica dopo l'addio alla Liventina e che a breve lo porterà ad affrontare una nuova avventura.

L'ADDIO - "Sono stati due anni belli in una grande società, una realtà di tutto rispetto con un settore giovanile molto importante. Dopo la retrocessione di due anni fa sono stato chiamato ad intraprendere un percorso che ci ha dato delle belle soddisfazioni, come per esempio far esordire tanti ragazzi del vivaio. L'epidemia ha fatto scattare qualcosa e purtroppo la società ha deciso di fermare l'attività lasciandoci ai box, non mi sono piaciuti i modi e la forma in cui ciò è avvenuto quindi negli scorsi giorni in maniera molto serena ho comunicato il mio addio. La società farà le proprie valutazioni ma io ho ritenuto che diversi aspetti andavano affrontati in maniera diversa, non discuto le decisioni che sono di competenza dei dirigenti ma la forma poteva essere migliore. Sono elementi molto importanti se si vuole programmare un progetto a lungo termine".

DIECI ANNI DI TRIESTINA - "Sono arrivato a Trieste ormai trentanove anni fa quindi la reputo casa mia. E' la città che ho vissuto di più anche se la carriera da allenatore mi ha portato a girare per tutta Italia. Da calciatore sono stati dieci anni indimenticabili, è una maglia che ti resta addosso per sempre. Essere il secondo giocatore per presenze nella storia della Triestina è speciale e posso vantarmi di essere tornato in rosso alabardato anche da allenatore. E' la squadra per cui tifo e tiferò per sempre, mi ha dato tanto ed amo la città".

LE PRESENZE - "Trecentosette in campionato, se aggiungiamo le coppe arrivo a quattrocento presenze con questa maglia che reputo una seconda pelle. Come tutti i professionisti sono stato costretto ad andare fuori, anche in piazze importanti, ma obiettivamente Trieste resta unica nel suo genere. Ho vissuto momenti straordinari, vincendo due campionati di Serie C e purtroppo una retrocessione nel periodo nero delle scommesse. In generale ci sono stati tanti momenti belli ed alcuni negativi ma che mi resteranno comunque dentro per sempre".

LA SERIE B - "E' la categoria in cui ho giocato di più. Quando mi chiedono un'opinione su me stesso rispondo che sono stato un buon giocatore di B. Dal punto di vista tecnico e fisico magari avrei potuto provare la Serie A che abbiamo inseguito a lungo qui a Trieste, ci eravamo anche riusciti ma arrivò una pagina di calcio poco piacevole che ci penalizzò oltremodo. Abbiamo pagato un conto troppo salato, dispiace perchè nell'85/86 con Enzo Ferrari meritavamo la promozione e si è visto sul campo. Per una telefonata che non ci è mai stata ci hanno incastrato, magari oggi con i mezzi a disposizione le cose sarebbero andate diversamente".

CALCIO DILETTANTISTICO - "Sono molto legato al dilettantismo: prima di andare a Motta sono stato al Trieste Calcio e tre anni al Domio quindi conosco molto bene questo mondo. Sicuramente questo sarà un periodo particolare, anche perchè nel triestino il calcio va avanti grazie alle feste ed all'affitto dei campi che a causa dell'emergenza sono venuti a mancare. Spero che tutto il movimento regionale riesca a riorganizzarsi per poter competere ancora in tempi brevi".

PROSPETTIVE - "Il buon lavoro fatto insieme al mio staff ha portato qualche richiesta che in queste settimane mi è stata presentata. Al momento non c'è nulla di ufficiale ma mi auguro che nei prossimi giorni possa concretizzarsi un accordo ufficiale. Ci sono trattative ben avviate con una società in particolare ma non dico niente per scaramanzia. Penso che si tornerà a lavorare presto con entusiasmo. La Federazione deve esprimersi sulla stagione in corso: solo quando ci sarà una decisione sul campionato in corso potranno farsi valutazioni sensate. Abbiamo bisogno di capire cosa fare".

DECISIONI - "Ognuno dice la sua ed è giusto così. Personalmente ho capito nei primi giorni di Aprile che non ci sarebbe stata la possibilità di tornare in campo a livello dilettantistico, perchè ci sono meno opzioni rispetto ai professionisti ed in questi campionati una volta scaduto il contratto non si può far altro che programmare la stagione successiva. Io ho sempre detto che è la Federazione a doversi prendere le proprie responsabilità dando un verdetto che sicuramente deluderà qualcuno. Avendo giocato due terzi di campionato secondo me sarebbe giusto promuovere le squadre in testa, sulle retrocessioni il discorso sarebbe più complicato: proporrei di far retrocedere solo l'ultima garantendo il ripescaggio in caso di rinuncia di un'altra squadra del proprio girone, questa è la mia opinione che spero verrà presa in considerazione".

https://i.imgur.com/jJGA4K4.jpg

Friuli in Gol Lunedì - 2020-05-18

https://i.imgur.com/hCImWgQ.jpg

Friuli in Gol "la regjon tal baloon" - Da 14 anni tutto il calcio Dilettantistico, Giovanile e Amatoriale in Friuli Venezia Giulia ce lo racconta Franco Poiana sulle nostre frequenze tra ospiti competenti e pubblico appassionato! Ad aprire la settimana calcistica di Friuli in Gol, Maurizio Costantini storico capitano della Triestina. Ci parla del legame con Trieste e l'addio alla Liventina, dopo 2 bellissime stagioni. Ascolta la puntata - Clicca qui

https://i.imgur.com/gTdjchA.jpg

https://i.imgur.com/H27cm21.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 9,58618 secondi