Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LUTTO - Il calcio goriziano piange Aldo Nardin

Partendo dalla Juventina conquistò due promozioni con Arezzo in serie B e Ternana in A. Con gli aretini riuscì a mantenere inviolata la porta per le prime 7 gare. Segnò un unico gol su rinvio da fondo campo al collega dell’Imperia

Scomparso a 72 anni il portiere goriziano Aldo Nardin che iniziò la sua carriera fra i pali a 14 anni alla Juventina, per poi passare in serie C all’Arezzo dove esordì in prima squadra nella stagione 1967/68 sotto la guida dell’allenatore Omero Tognon, giocando 11 partite. L’anno successivo fece soltanto tre presenze ma gli amaranto salirono in serie B e fu un esordio importante per Nardin. Riuscì a mantenere inviolata al propria porta per le prime 7 gare, fin quando una punizione indiretta a Mantova, concessa per una sua infrazione in prolungato possesso palla, mise fine all’imbattibilità durata esattamente 767 minuti.

Dopo due stagioni l’ascesa in serie A è con il Varese ed esordì il 3 ottobre del ’71. Al termine del campionato il Varese retrocedette ma Nardin rimase in serie A trasferendosi a Napoli a fare la riserva di Carmignani e giocando una sola partita, con la Ternana, società per la quale si accasò in B l’anno successivo e fu successivamente promossa in serie A, dove però rimase solo quella stagione e anche per Nardin fu l’ultima gara nella massima serie.

Tornò infatti nei cadetti con la stessa Ternana, poi Lecce e Lazio, per chiudere la carriera a Civitavecchia in C2. Qui si tolse la soddisfazione di segnare l’unica rete della carriera, con un rinvio da fondo campo beffando il portiere avversario dell’Imperia.

Nel 1970 debuttò con la Nazionale Under 21 con l’amichevole Svizzera – Italia e fu convocato nella successiva gara fra Italia e Bulgaria.

Appesi guantoni Nardin allenò prima il Sansepolcro e poi il Foiano, per poi dedicarsi al ruolo di preparatore dei portieri     


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...






ISONTINO - Marco Piscopo alla Juventina

Non sono molte le novità di questo lunedì, se non il colpaccio della Juventina che si è assicurata le prestazioni di Marco Piscopo, da poco “silurato” dai cugini d’ol...leggi
06/07/2020




MLADOST - Andrea Cossar al volante

Cambio della guardia ai vertici societari del Mladost con le dimissioni per motivi personali di Nordio Gergolet, al suo posto sullo scranno di comando siede ora ...leggi
02/07/2020






LND - Serie D e C femminile maglie personalizzate

I numeri di maglia personalizzati nei dilettanti sono già autorizzati ma finora si limitavano appunto a mantenere quel determinato numero scelto per tutta la stagione. Dalla prossima, e solo per la serie D, oltre al...leggi
29/06/2020

GRADESE - Novati rimane

Alla Gradese i “mamoli”: è il pensiero del diesse dei lagunari Christian Ghirardo, intento ad organizzare una squadra di una cittadina che vive molto sull’apporto degli sponsor e c...leggi
29/06/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,95198 secondi