Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


AIA GRADISCA - L'arbitro Aureliano impartisce lezione d'umiltà

Il fischietto bolognese della Can B è intervenuto in video conferenza alla riunione tecnica fra gli associati della sezione isontina. “Dagli errori s’impara e sta nel singolo far tesoro e rialzarsi”. Imparare a cadere è il punto focale per i fischietti

Un’allargata videoconferenza fra gli associati della sezione Aia di Gradisca d’Isonzo, ma non solo, e l’arbitro della Can B, il bolognese Gianluca Aureliano, ha tenuto incollati al monitor i tanti fischietti nostrani con l’intento di fargli pervenire alcuni concetti base, a partire dalle paure ed incertezze che attanagliano chi va in campo, qualunque sia la categoria da dirigere. Aureliano, con il bagaglio di oltre un centinaio di gare fra i cadetti ad alcune nella massima serie, lo ha fatto spiegando con estrema facilità, andando a toccare i tasti più delicati. Il concetto di Aureliano si basa che “Gli arbitri vorrebbero essere sicuri di sè stessi ed invece bisogna aiutarli ad essere sicuri si sé stessi, partendo nell’accettare ciò che sono e non caricandoli di “io” immaginari ed irraggiungibili. Il sovraccarico o la sottovalutazione – ha proseguito il direttore di gara – può portare a sconfitte o peggio a crolli”. E continua affermando che “la vittoria più bella non sarà mai forte quanto la peggiore delle sconfitte”.

E’ naturale che dagli errori si impari e sta nella singola persona, nel singolo arbitro capire, far tesoro della delusione e rialzarsi. “Impariamo a cadere” è il punto focale dell’intervento di Aureliano e lo ha dimostrato con alcuni episodi negativi e positivi attraverso la visione di video relativi a sue direzioni. Un plauso da tutti, dal presidente di sezione Luigi Franzò e dall’ex arbitro internazionale Paolo Toselli, collegato anch’egli, che hanno definito l’incontro “una profonda lezione d’umiltà”.      


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 29/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...






ISONTINO - Marco Piscopo alla Juventina

Non sono molte le novità di questo lunedì, se non il colpaccio della Juventina che si è assicurata le prestazioni di Marco Piscopo, da poco “silurato” dai cugini d’ol...leggi
06/07/2020




MLADOST - Andrea Cossar al volante

Cambio della guardia ai vertici societari del Mladost con le dimissioni per motivi personali di Nordio Gergolet, al suo posto sullo scranno di comando siede ora ...leggi
02/07/2020






LND - Serie D e C femminile maglie personalizzate

I numeri di maglia personalizzati nei dilettanti sono già autorizzati ma finora si limitavano appunto a mantenere quel determinato numero scelto per tutta la stagione. Dalla prossima, e solo per la serie D, oltre al...leggi
29/06/2020

GRADESE - Novati rimane

Alla Gradese i “mamoli”: è il pensiero del diesse dei lagunari Christian Ghirardo, intento ad organizzare una squadra di una cittadina che vive molto sull’apporto degli sponsor e c...leggi
29/06/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,42551 secondi