Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


MANIAGOLIBERO - Gregolin lascia: "Si è concluso un ciclo"

Il tecnico motiva così la sua scelta: "Mi ero ripromesso di riuscire a conquistare la salvezza per chiudere in bellezza, era giunto il momento di dire basta"

Bagagli pronti per Giuliano Gregolin che dopo sette lunghi e vincenti anni, lascia la panchina del Maniagolibero senza tuttavia avere progetti in ballo per il futuro. Una scelta ponderata che, come spiega, ha avuto il tempo di maturare per tutto l'arco della stagione.

LA DECISIONE - "L'ho presa agli albori della stagione. Mi ero ripromesso di riuscire a conquistare la salvezza per chiudere questo ciclo, era giunto il momento di dire basta. Sono stati sette anni molto belli in cui siamo partiti dalla Seconda arrivando in Promozione. Adesso è arrivato il momento di lasciar spazio a qualcun'altro".

I MIGLIORI ANNI - "Il primo anno è stata una scommessa vincente. Arrivai in una squadra di Seconda Categoria che non conoscevo bene quindi quella promozione è il ricordo più bello che ho. Qui c'è un ottimo ambiente dove si vive ancora bene il calcio. Ho tanti amici qui ma sono sicuro che appena possibile li ritroverò".

LA SQUADRA - "E' un gruppo nato sette anni fa dal quale sono usciti calciatori che mi hanno seguito fino ad oggi. Ringrazio tutti i calciatori che mi sono stati vicini perchè significa che hanno creduto in me e nel mio progetto. Non vorrei scordare nessuno ma i miei fedelissimi sono Belgrado, Puiatti e Mottin che sono stati lo "zoccolo duro" del mio Maniagolibero".

PROGETTI FUTURI - "Questi tre mesi di stop sono stati una mazzata e penso che abbiano modificato la testa di tanti allenatori e giocatori. In questo momento sono abbastanza tranquillo e non voglio pensare a nulla, continuo a rilassarmi ancora un po' e vedremo cosa succederà. Ho sempre voluto intraprendere sfide e se dovessi continuare ad allenare mi piacerebbe avere una società che ha delle idee chiare e sa bene dove vuole arrivare. L'anno prossimo saranno tagliati tanti giocatori e molte società non avranno la possibilità di ingaggiare nomi altisonanti. Mi piacerebbe trovare una squadra simile al Maniagolibero, fatta da gente con tanta volontà ed altruismo. Penso ce ne siano ancora poche ma mi auguro di trovarne una simile. Chi pensa di vivere di calcio deve puntare ad altre categorie. Questo calcio si basa sulla voglia di stare insieme e sulla programmazione a lungo termine".

Friuli in Gol Martedì - 2020-05-26
Ascolta la puntata
Clicca qui

https://i.imgur.com/36HkMGZ.jpgFriuli in Gol "la regjon tal baloon"
Da 14 anni tutto il calcio Dilettantistico, Giovanile e Amatoriale in Friuli Venezia Giulia ce lo racconta Franco Poiana sulle nostre frequenze tra ospiti competenti e pubblico appassionato! Apre l'odierna puntata, Antonio Erario, portavoce del Comitato SALVIAMOCI, le 36 squadre di Serie D retrocesse causa Coronavirus. Seguira nella seconda parte l'intervento di Giuliano Gregolin, dopo 7 anni e due promozioni, lascia il Maniagolibero. Ascolta la puntata

https://i.imgur.com/R2uXD7T.jpg

https://i.imgur.com/CdjEhv2.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,24576 secondi