Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


FUSIONE - Ufficiale il matrimonio tra Rive d'Arcano e Flaibano

I due presidenti Picco e Minisini hanno sottoscritto l’atto storico che fonde le due società. Il numero uno del gialloneri passa la mano al collega per la massima carica, le parti si sono avvicinate casualmente a febbraio ad un allenamento a Cisterna

Siglato l’accordo di fusione fra il Flaibano e il Rive d’Arcano con la firma apposta dai due presidenti. Tutto l’incartamento verrà inviato al Comitato regionale il prima possibile, anche se le tempistiche sono state dilatate al prossimo 20 luglio. Riassumiamo con il botta e risposta dei due massimi dirigenti, Picco del Flaibano e Minisini del Rive, sull'avvicinamento delle due parti.

Presidente Picco, dicono che tutto sia partito da lei, quando è scoccata la scintilla?
“Una sera di febbraio: ero ad assistere l'allenamento della mia squadra, sul sintetico di Cisterna, che era in concomitanza con quello del Rive. Ho visto due compagini organizzatissime e ho pensato che sarebbe stato bello vederle insieme. Ne ho parlato con il mio ds Maserati che ha subito intuito tutti i benefici che avrebbe fatto scaturire questa fusione.”

Presidente Minisini, com’è stato il primo approccio?
“Il ds Maserati venne a casa mia assieme ad un altro dirigente del Flaibano e sinceramente mi hanno un po’ sorpreso; li ho ascoltati volentieri per poi esporre il tutto ai miei collaboratori più stretti. Da quel giorno si sono susseguite alcune riunioni, comprese le assemblee. Tengo a dire che tutti i partecipanti, mi dicono anche quelli di Flaibano, hanno votato all’unanimità a favore di questa fusione”.

Presidente Picco, lo scettro passa quindi a Minisini?
“Si, ma questo non significa che non continuerò ad interessarmi alla nuova società di cui rimarrò sempre tifoso accanito. Ho subito accettato di passare la mano perché penso di aver finalmente trovato le persone giuste per dare continuità a queste due società storiche”.

Presidente Minisini, molti storcono il naso perché dicono che le due dirigenze faranno fatica ad andare d’accordo...
“E’ necessario unire le forze, siamo due società che rappresentano due comuni, che insieme arrivano forse a 3500 abitanti. Siamo nel salotto del calcio regionale a confrontarci con autentiche corazzate e ci sarà bisogno di una collaborazione totale, anche se sicuramente non tutti saranno stati d’accordo con questa fusione. Il tempo ci dirà se abbiamo avuto ragione, ma io ho una gran fiducia in tutti i dirigenti. E’ una sfida titanica e vincerla sarà una soddisfazione enorme”.

Presidente Picco, potenzialmente la nuova società potrà puntare a qualcosa d’importante?
Sicuramente si, ma essere in questa categoria è già di per se importantissimo. Ora dovremo gestire il periodo post Covid, fare gruppo e lavorare a testa bassa.”

Presidente Minisini, allacciandoci al pensiero di Picco, la realtà attuale dice che una società di Eccellenza costa parecchio. Quale sarà la reazione dei giocatori al post Covid?
“I periodi della vacche grasse penso siano finiti per molti, se non per tutti. Ci sarà un ridimensionamento generale, anche per i giocatori”.

Presidente Minisini, abbiamo letto stasera del disimpegno di Pagnucco, cosa si sente di dire al suo ormai ex allenatore?
“Non ho bisogno di manifestare, perché nota a tutti,  la mia stima incondizionata nei confronti di un tecnico e soprattutto di un uomo che quest’anno aveva sposato in pieno la causa del Rive d’Arcano. La sua scelta  è per noi dolorosa ma lo sarebbe stata, per la dirigenza di Flaibano, anche la rinuncia a Peressoni. Il problema è che si stanno fondendo due società che, a mio modesto parere, avevano due tra i tecnici più bravi e preparati dell’intero panorama regionale. Mi preme comunque sottolineare che la scelta del tecnico sarebbe avvenuta solo dopo la riunione di stasera”.

Presidente Picco, a questo punto è ufficiale anche la conferma del ds?
“Maserati ha lavorato benissimo in questi tre anni ed è stato fondamentale per portare e mantenere il Flaibano in Eccellenza. Ora però il lavoro da fare è parecchio, quindi gli faccio un in bocca al lupo sperando nelle sue magie di mercato. Vogliamo una squadra giovane e che giochi bene a calcio, come piace a me”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/06/2020
 

Altri articoli dalla provincia...














IL PERSONAGGIO - Draga ha un sogno

Ma dov’ è finito quel ragazzo che amava giocare a calcio, scorazzando sulla fascia con tutta la forza del fisico e del cuore e che, talvolta, segnava gol impossibili? Non si è affatto perso e, da nove mesi, ha pia...leggi
19/07/2020



CHIAVRIS - Fino prepara la squadra Under 23

All'indomani della riunione tra i rappresentanti della Federazione, con il presidente Ermes Canciani in testa, ed i presidenti delle categorie dilettantistiche friulane, arrivano le prime adesioni per la grande novit...leggi
14/07/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,44898 secondi