Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

ASD BERTIOLO - La risposta alle parole di De Monte

La società bianconera replica all'intervista al nuovo direttore sportivo del Camino, pubblicata sul nostro sito qualche giorno fa

Riceviamo e pubblichiamo la risposta dell'ASD Bertiolo, scaturita dalle parole di Massimo De Monte, ex dirigente bianconero ed attualmente nella dirigenza del Camino.

****************************

"Dopo aver letto l’articolo di Massimo, da sempre per noi “Gallo”, la domanda che ci siamo posti e che i più stretti affezionati del calcio bertiolese ci hanno posto è stata “Perchè?”. Ci siamo permessi di fare un auto- intervista su questo articolo e con queste domande-risposte ci sentiamo di replicare a delle affermazioni, a volte non veritiere, ed a difendere la società che non può accusare un colpo del genere in modo indifferente.

1) Perché a distanza di un anno rivangare di nuovo sull’ASD Bertiolo? Ci pare che nell’articolo Massimo dica <Torno nel mondo del calcio con la mente sgombra> ma a leggere l’astio verso questa società non ci pare sia poi così sgombera; specie, appunto, a distanza di un anno dalle dimissioni.

2) Perché si dicono cose non vere, sempre riportando le parole di Massimo, “Anche perchè mi hanno mandato via”? Un anno fa, nell’articolo pubblicato su Friuli In Gol del 12/06/2019 si riportava <Max De Monte ha dato le dimissioni senza alzare polveroni o polemizzare. " Me ne vado a testa alta">. La società vuole sottolineare che Massimo, come altri dirigenti negli anni trascorsi, ha salutato l’ASD Bertiolo di sua iniziativa: nessuno, e sottolineiamo nessuno tra i dirigenti, è mai stato mandato via. Tant’è che le dimissioni di Massimo sono pervenute alla società in data 27/06/2019.

3) Perché l’affermazione <ed ora sono rimasti senza squadra, non aggiungo altro>? Ci sentiamo di dissentire anche su questa affermazione. Chi ha vissuto le ultime stagioni del calcio bertiolese ha probabilmente osservato i risultati sul campo, ottimi certamente, con l’approdo alla prima categoria nella sudatissima stagione 2018/2019. E per quanto i risultati in campo siano stati positivi, la società ha “sudato” parecchio nei due anni precedenti per portare avanti i programmi stabiliti: c’è stato un cambio di presidenza ed un ridimensionamento involontario dell’organico societario dovuto a varie dimissioni. In tale contesto la società si è ritrovata a fine stagione scorsa con metà squadra già destinata ad altre mete, sapendo solo successivamente ai saluti che alcune pedine della squadra si erano già mosse a marzo, all’oscuro della società, ma alla luce e conoscenza dell’allora D.S. Aggiungiamo inoltre che le dimissioni di Massimo sia da Dirigente che da Direttore Sportivo, arrivate solamente a fine giugno con metà squadra da ricostruire e parecchi dirigenti che, accodandosi a lui, hanno dato le dimissioni, ha messo ulteriormente in crisi il proseguimento calcistico della società dilettantistica. Tuttavia ci teniamo a sottolineare che, nonostante le difficoltà, l’ASD Bertiolo ha continuato la sua attività con l’iscrizione di una squadra di pulcini, per salvaguardare il nome e la storicità della società che sta facendo del suo meglio per mantenere la struttura del campo sportivo Jachen Dorta, sempre efficiente e pronta ad ospitare manifestazioni sportive.

Vogliamo inoltre interpretare le parole “ho digerito la scottatura di Bertiolo ed ora sono tranquillissimo” come a una delusione, simile a una storia “d’amore”, da parte sua nei confronti di una società nella quale ci ha messo tanto, e di questo non possiamo che ringraziarlo sia come Dirigente che come Direttore Sportivo, ma che non sia stato ripagato all’altezza delle sue aspettative. Con questa interpretazione vogliamo dire che Massimo, come altri, è stato parte integrante del bello e del cattivo tempo di questa società e che se le cose non sono proseguite “rose e fiori” probabilmente, come nelle storie d’amore, era già scritto che non poteva funzionare. La “scottatura” è comprensibile ma è stata subita anche dalla società stessa. Concludiamo augurando a Massimo il meglio in questa nuova avventura che lo vede nel ruolo di Direttore Sportivo del Camino, società amica della sportiva di Bertiolo anche alla luce delle collaborazioni e aiuti intercorsi in questa ultima stagione".

ASD BERTIOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/06/2020
Tempo esecuzione pagina: 1,36494 secondi