Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


MERCATO - La Pro Gorizia pesca a Ronchi, Corno scatenato

Bonanno e Forte a rimpolpare lo staff dirigenziale dei biancazzurri, Bardini e compagni salgono in riva all’Isonzo. Il patron dei virtussini Libri riporta a casa Gashi e si assicura Buttignaschi. E sul piatto ci sono altri giocatori da far felice mister Caiffa. Gemonese su Llani, Persello in Carnia

L’acqua è già nelle pentole e comincia a bollire, ma cosà ci sarà dentro? Radio mercato ascolta per sapere cosa si riverserà sul piatto. In casa Pro Gorizia i tegami sono tanti sul fuoco, a cominciare da quello dirigenziale, nel quale il presidente Giulio Mosetti troverà due importanti supporti logistici e manageriali, l’ex patron dell’Ism Franco Bonanno e Stefano Forte, quest’ultimo probabile nuovo responsabile del settore giovanile, al posto di Maurizio Valdiserra diventato uomo mercato dopo l’addio di Andrea Brugnolo. Per la parte tecnica i goriziani stanno pescando a Ronchi e con l’arrivo di Franti al volante, sul minibus prenderanno posto di sicuro l’attaccante Andrea Bardini (1992) e altri 4-5 compagni ex amaranto. Ma Valdiserra punta anche al bomber Marco Roveretto che, a quanto pare, non rientra più nei piani della Manzanese di mister Vecchiato. Nutrito di conseguenza il fronte partenze, con la valigia in mano Luca e Marco Piscopo, Klun e Cerne, quest’ultimo però per motivi personali.

Sembrerebbero essere piatti succulenti quelli proposti dalla Virtus Corno il cui presidente Antonino Libri, dopo aver confermato al timone Stefano Caiffa, sta riportando a casa la punta classe ’90 Valmir Gashi, dopo l’esperienza al Sevegliano, e si è assicurato pure il bomber della Pro Romans e vice capocannoniere della Promozione B, Andrea Buttignaschi (1992). Ma lo scatenato presidente non si ferma qui perché è vicino l’accordo con l’esterno d’attacco del Brian Saverio Cucciardi.e con il centrale difensivo del 2000 Alessandro Peressutti del Cjarlins Muzane. Cambio anche fra i pali, al posto di Jacopo Caucig impegnato per studio fuori regione, arriva dal Mladost Andrea Cantamessa (1997), già avuto da Caiffa.

Salendo di latitudine, il Tolmezzo si assicura le prestazioni del difensore Alberto Persello (1991) proveniente dalla Gemonese, la quale sta bussando alle porte del Torviscosa per chiedere il sostituto, anche fuoriquota (2000), Michael Facca e pensa a Eraldo Llani (’90) per l’attacco al posto di Riccardo Verrillo diretto al Real Cussignà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 29/06/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



MLADOST - Andrea Cossar al volante

Cambio della guardia ai vertici societari del Mladost con le dimissioni per motivi personali di Nordio Gergolet, al suo posto sullo scranno di comando siede ora ...leggi
02/07/2020





LND - Serie D e C femminile maglie personalizzate

I numeri di maglia personalizzati nei dilettanti sono già autorizzati ma finora si limitavano appunto a mantenere quel determinato numero scelto per tutta la stagione. Dalla prossima, e solo per la serie D, oltre al...leggi
29/06/2020

GRADESE - Novati rimane

Alla Gradese i “mamoli”: è il pensiero del diesse dei lagunari Christian Ghirardo, intento ad organizzare una squadra di una cittadina che vive molto sull’apporto degli sponsor e c...leggi
29/06/2020


IPOTESI 1 - Eccellenza, 20 squadre o due gironi?

Avere un girone unico di 20 squadre è intrigante e molto competitivo, ma allo stesso momento dispendioso in fatto di un maggior numero di gare e relativi costi, considerando anche alcuni turni infrasettimanali. Al momento le indicaz...leggi
28/06/2020





LUTTO - Sergio Clemente lascia un vuoto

Una grande passione per il calcio, soprattutto dei piccoli virgulti, stroncata all’età di 67 anni. Una malattia che l’aveva colpito due anni fa ha fatto chiudere gli occhi definitiva...leggi
26/06/2020



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,35727 secondi