Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE B - Il Pordenone spenna il Grifone

I ramarri escono vittoriosi da una partita tesa: 8 ammoniti, 1 espulso e Di Gregorio all'ospedale. Le reti di Mazzocco e Ciurria abbattono il Perugia. La formazione di Tesser raggiunge al terzo posto in classifica il Cittadella

PERUGIA  - PORDENONE  1 - 2
Gol: p.t. 2′ Mazzocco, 6′ Falzerano, 39′ Ciurria.

PERUGIA (3-5-2): Fulignati; Rosi (43′ st Benzar), Sgarbi, Rajkovic; Mazzocchi, Falzerano, Carraro, Nicolussi Caviglia, Dragomir; Buonaiuto (20′ st Iemmello), Melchiorri. A disposizione: Albertoni, Nzita, Konate, Kouan, Capone, Righetti. All. Cosmi.

PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio (15′ st Bindi); Vogliacco, Barison (30′ st Almici), Bassoli, De Agostini; Mazzocco, Burrai, Pobega; Tremolada (25′ st Zammarini); Ciurria, Candellone (25′ st Bocalon). A disposizione: Passador, Stefani, Chiaretti, Semenzato, Pasa, Misuraca. All. Tesser.

ARBITRO: Camplone di Pescara. Assistenti: Bercigli di Valdarno e Raspollini di Livorno. Quarto ufficiale: Ayroldi di Molfetta.

NOTE -  Al 36′ st espulso Falzerano per proteste. Ammoniti Vogliacco, Sgarbi, Bassoli, Rajkovic, Candellone, Melchiorri, Tremolada (dalla panchina), Carraro. Angoli 3-5. Recupero: p.t. 1′; s.t. 7′.

Il Pordenone privo del trio Gavazzi – Strizzolo – Gasbarro (e di Di Gregorio dopo quasi un'ora di gara) sbanca lo stadio Renato Curi, cogliendo la seconda vittoria consecutiva e sgambettando di misura un Perugia orfano di Greco, dell'infortunato portiere (friulano) Vicario, Fernandes (non più in rosa), Di Chiara (squalificato), Angella, Gyomber e Falcinelli. Pertanto la compagine del duo Tesser – Strukelj aggancia al terzo posto quel Cittadella dell'attaccante Diaw stoppato a Pisa per mano del prossimo antagonista dei pupilli del presidente Lovisa. La classifica, in ogni caso, resta serrata sia in alto (Benevento a parte) sia in basso.

Partenza con il botto per i ramarri, già a segno dopo un minuto e mezzo. Bella azione a sinistra di Tremolada, gli umbri sono fermi (facendo agitare il loro allenatore Serse Cosmi) e Mazzocco infila con un tocco “facile” di testa. L'avvio è avvincente e i padroni di casa trovano il pareggio con una pregevole conclusione dal limite di Falzerano, una botta di livello al 6'. Le due squadre si allungano e c'è qualche spazio in più per tentare le percussioni. I biancorossi del centro-Italia hanno quindi una fase, in cui appaiono più organizzati e veloci tanto da cercare di tenere di più le chiavi del centrocampo (cosa utile per spingere). Perugini vicini al raddoppio al 21' con Melchiorri (incornata di un pelo fuori su lancio di Falzerano) e soprattutto al 32' – su servizio di Buonaiuto - con l'incursione di Nicolussi Caviglia, che trova la traversa sulla sua strada e di conseguenza si resta sull'1-1. I neroverdi avversari, che fanno debuttare le nuove maglie neon, hanno la capacità di saper tener botta e soffrire se e quando necessario. Fino a ritornare avanti al 39'. Nuovo spunto decisivo sul lato mancino, in questo caso è D'Agostini a pennellare al centro, dove Ciurria calcia al volo di sinistro con una girata e la sua è pure una magia “gnam gnam”. Primo tempo vibrante nel complesso, molta corsa da parte di entrambe le duellanti e archiviatosi sul risultato di 1-2 con i realizzatori pordenonesi già a segno nel 3-0 interno dell'andata.

Al 5' di una ripresa ruvida (diverse le ammonizioni) e combattuta il locale Carraro spara praticamente da dove aveva segnato Ciurria e il suo fendente si stampa sul palo. Un “tamponamento” tra Melchiorri e Di Gregorio all'11' determina (dopo 4' di cure) l'uscita del portiere di proprietà interista per una ginocchiata al petto con contraccolpo sul collo, incidente che determina una visita all'ospedale da parte di “Digre”. Al suo posto il secondo estremo difensore Bindi. Un'altra vera emozione in chiave offensiva è datata 27', quando Ciurria fa venire i brividi al guardiano dei montanti Fulignati. Nello scorcio conclusivo – allungato dal recupero per lo stop capitato a Di Gregorio – il Perugia, seppure in dieci per l'espulsione per proteste di Falzerano al 36', prova a sorprendere il Pordenone, che però porta in porto il successo.

Massimo Laudani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LA CLASSIFICA

https://i.imgur.com/QBRB4CH.jpg

https://i.imgur.com/I8gQpyK.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 03/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,90789 secondi