Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL PERSONAGGIO - Draga ha un sogno

L’attaccante (classe 1997) visto al Lumignacco e all’Udine United si è trasferito a Manchester, dove vive la famiglia e spera di sfondare. “Voglio ancora tentare la strada del professionismo, mi dò tre anni di tempo. Qui si vive di calcio, i campi sono splendidi. Anche se piove troppo spesso…”


Ma dov’ è finito quel ragazzo che amava giocare a calcio, scorazzando sulla fascia con tutta la forza del fisico e del cuore e che, talvolta, segnava gol impossibili? Non si è affatto perso e, da nove mesi, ha piantato tende e sogni a nord ovest dell’ Inghilterra: oltre Manica ha raggiunto il resto della famiglia, sperando di poter tornare quello di Lumignacco (juniores) e Udine United. Se poi abiti a Manchester, è normale che il calcio ti trapassi, prendendoti in ostaggio.

“Ho deciso di fare una scelta precisa, i miei vivono qui da diversi anni e cosi ho pensato fosse cosa buona raggiungerli - spiega Halim Draga - personalmente non ho ancora accantonato la speranza di fare il calciatore professionista e intendo provarci. Mi sono concesso tre anni di tempo".

Nel frattempo, cos’è successo?
“Attualmente frequento con assiduità la palestra di Mick Clegg, che ha lavorato al Manchester United dal 2000 al 2011 curando, in particolare, il fisico di un certo Cristiano Ronaldo. Un sergente di ferro che, però, ti fa crescere tanto. Sul piano tecnico sono invece seguito, tra gli altri, da Jim Whitley, ex giocatore del City e nazionale nordirlandese che mi insegna tutti i trucchetti dell’attaccante. Sono inoltre tesserato con il Brixton Fc, una società dilettantistica. Ma l’idea è quella di puntare più in alto".

Ti sei affidato ad un procuratore?
“Al momento sono nel portafoglio di Errol Davis, della “442 Sports Group”, il quale si sta rivelando anche un grande amico. Pare che ci siano possibilità pure al di fuori dell’Inghilterra: ho sentito della Finlandia, stiamo a vedere che succede".

Come va la vita, lassù?
“A Manchester si sta molto bene, con il calcio naturalmente al primo posto. Io ho sempre tifato United, appena posso vado al mitico ”Old Trafford”, distante non più di cinque minuti da casa. I campi sono spettacolari, peccato che piova spesso…”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/1A3DqWS.jpg

https://i.imgur.com/pMyZo4I.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 19/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,29876 secondi