Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTE - Opera artistica donata dai giornalisti alla Squadra Volante

La creazione, frutto di una donazione dell'Ordine dei giornalisti e dell'Associazione della stampa del Friuli Venezia Giulia e dei giornalisti di Press Trieste Football Club, sarà consegnata sabato durante il Memorial "Figli delle stelle".

“Lettera per le stelle” è il titolo dell’opera che l'artista Alessandra Spigai ha pensato e composto, con antichi caratteri tipografici di legno, per ricordare Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i poliziotti uccisi il 4 ottobre 2019 nell'adempimento del loro dovere.
L'opera sarà donata alla Squadra Volante della Questura di Trieste dall'Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, dall'Associazione della stampa del Friuli Venezia Giulia e dai giornalisti di Press Trieste Football Club in occasione del Memorial "Figli delle stelle" in programma a Trebiciano sabato 25 luglio, un triangolare di calcio fra rappresentanti delle istituzioni, forze dell'ordine e giornalisti, promosso dal consigliere comunale Michele Claudio.
"Lettera per le stelle" - in allegato due immagini - è una creazione artistica dalla forma rotonda (un mondo o il mondo?) che accoglie una “folla di lettere” come un mare in movimento, come un’umanità che ondeggia e allungando le braccia tiene sospese e alla fine lascia andare due stelle, per far loro raggiungere il cielo.
Alessandra Spigai, artista eclettica e autodidatta, adottata da Trieste da bambina, inizia a dedicarsi alla scultura e alla pittura dopo aver attraversato l’espressione di molte arti, dalla grafica al design, dalla scrittura alla fotografia.
La sua arte è trasformista, inquieta e intimista. Nelle forme pittoriche come in quelle plastiche, modellate o assemblate con caratteri tipografici collezionati, trova un linguaggio primordiale e istintivo, con cui prosegue il suo percorso di sviluppo interiore, del significato profondo della vita, dell’identità dell’essere umano, spirituale e naturale. È questa la sua poetica. Espone in Italia e all'estero, vive e lavora a Trieste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,22171 secondi