Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BUJESE - Chiementin passa all'invernale: sono pieno d'entusiasmo

Il nuovo tecnico amaranto è pronto al prossimo campionato invernale, che non viveva da quattro stagioni: "Non sono un neofita, metterò le mie conoscenze ed i miei princìpi calcistici"

La Bujese targata Peretto si affida all'espertissimo Mario Chiementin, che torna all'invernale da protagonista dopo l'esperienza da vice nel Tolmezzo e la parentesi di Nimis di quattro anni fa. Il nuovo mister granata lascia il Campionato Carnico dopo tanti successi sulla panchina del Cavazzo, per lui infatti due campionati, una Coppa Carnia e due Supercoppa con i viola, uno score da record in solo due stagioni. Chiementin si appresta con uno stato d'animo euforico alla prossima stagione: "Sono pieno d'entusiasmo, stiamo finendo di allestire la squadra. Siamo partiti un po' tardi e potrebbe essere un anno di transizione, ma non penso che andremo tanto male".

ACCORDO - "Quando si è paventato il discorso della presidenza di Peretto sono subito stato contattato. Ci conosciamo bene ed avevamo voglia di fare un'esperienza insieme quindi quando si è presentata l'occasione non ho avuto dubbi. Il presidente mi ha fatto un discorso interessante, esponendo il suo programma, gli ho spiegato come avrei intenzione di allenare la squadra e siamo stati d'accordo fin da subito".

INVERNALE - "Ho già avuto esperienze nel campionato invernale: con il Nimis e prima ancora da vice allenatore di Damiani al Tolmezzo, quando ci salvammo in Eccellenza. Non sono un neofita di questo campionato".

SFIDA - "Ci voleva proprio. Avevo promesso di restare a Cavazzo se ci fosse stata la possibilità di giocare, ma sapevano tutti che se si fosse presentata un'occasione l'avrei colta. Mi sono lasciato molto bene con la dirigenza biancoviola".

PROMOZIONE - "Secondo me quest'anno il livello delle squadre si è alzato. La prendo come una sfida, metterò le mie conoscenze ed i miei princìpi calcistici e mi confronterò con gli altri. Molte squadre si sono attrezzate con tanti fuoriquota di grandissimo livello, conosco abbastanza questo campionato perchè l'ho seguito dal vivo in questi anni. C'è sempre da imparare".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



IL PERSONAGGIO - Puddu, una scelta di cuore

Alcuni giocano e “cantano” con i piedi. Ma spesso sono le teste, quelle come la sua, a fare la differenza. Soprattutto quando sei al bivio di una sterzata di vita niente affatto semplice. Emanuele...leggi
10/08/2020





TERZO - Sette arrivi per sette partenze

Lavori in corso per il Terzo, costruito dal ds Matteo Brach, che ha dovuto far fronte ad un numero importante di addii. Sette cessioni, rimpiazzate da altrettanti acquisti, lasciano intatto il valore della...leggi
07/08/2020











Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,31000 secondi