Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LA NOVITA' - Weakrisk, il ritorno degli sponsor

Un’operazione di marketing azzera i costi del software e permette di inserire i banner pubblicitari sulle App in dotazione agli atleti. Pubblicità sui telefonini e non più con gli anacronistici cartelloni?

Dopo mesi di inattività ritornano, per le società dilettantistiche che vogliono ripartire, le solite problematiche legate alla mancanza di programmazione, di metodo e della valorizzazione dei talenti, situazioni che l’emergenza coronavirus aveva, causa lo stop, momentaneamente accantonato. A queste si aggiungono le consuete difficoltà finanziarie, una costante dei club che, ancora frastornati, devono trovare la forza di ripartire. Difficoltà ancora più marcate, vista la moria certa di alcuni sponsor, ovviamente impegnati a gestire questioni ben più complicate.

Riteniamo che in questa tempesta perfetta, l’alibi per chi non è avvezzo a metodologie scientifiche, all'uso di una tecnologia anch’essa da anni ormai parte del sistema calcio, a strumenti a supporto di uno sport in completa evoluzione e, certamente per alcuni dinosauri che popolano le categorie dirigenziali delle nostre società, è facilmente spendibile. Forse è opportuno provare a smascherarli, cosi avranno la necessità di inventarsi qualcosa d’altro per giustificare la mancanza di risultati. Proviamo ad esaminare le vicende da un'ottica diversa, per generare nuovo entusiasmo in tutte le componenti: allenatori, giocatori e dirigenti. Perchè continuare da parte della associazione a volere gente formalmente patentata o qualificata, quando sono i tesserati per primi a non volere ricercare un miglioramento alla qualità del loro lavoro fatto sul campo, tramite l’utilizzo di supporti e mezzi tecnologici? Ora esiste uno strumento professionale ed innovativo che gestisce in toto una società calcistica dilettantistica, seguendo un ragazzo sin dai primi passi, monitorandone i progressi per intervenire per migliorarne prestazioni e limitare il rischio di infortuni.

Un patrimonio esclusivo della società, che sopperisce alla assenza di programmazione, che rimane anche quando le strade tra la società e l’allenatore o il preparatore si dividono, senza dovere ogni volta ricominciare da capo. Ma come sempre, per la maggioranza delle  nostre società sarà etichettato come troppo caro. Bene allora cominciamo a dire che Weakrisk s.r.l. conoscendo benissimo queste difficoltà, che sono reali, ha azzerato il costo finanziario di questo software con una operazione di Marketing con la sua consociata Weakrisk Media & Events, consentendo anche un ritorno economico importante per il club e contemporaneamente una forte e vera visibilità agli sponsor. Questi potranno avere il loro banner o logo, direttamente su tutte le App in dotazione agli atleti, App che abbiamo constatato, sono viste da non meno di 4 persone per utente. Banner cliccabili, che puntano direttamente al sito o all’E-commerce dell’azienda..

Finalmente marketing vero, innovativo e vincente, contrapposto  all’obsoleto e ormai anacronistico cartellone pubblicitario al centro sportivo. Testimonianza triste di un tempo passato. Anche se molti addetti ai lavori, con infinite scuse ridicole, preferiranno rimanere ancorati alle consolidate abitudini. Meglio investire risorse sul nuovo centravanti, che gli hanno suggerito e che gli risolverà i problemi della vita,  anzichè virare verso una filosofia innovativa, basata su tecnologia e metodologia scientifica. Nel calcio, come in tante altre discipline, nulla è immutabile. Servono idee innovative, ma soprattutto tanto coraggio, perché come sempre il nuovo pare complicato e desta timore. Non bastano più, nemmeno nelle categorie dilettantistiche, metodi obsoleti, superficialità ed improvvisazione.

L’augurio per tutti è che dopo questo periodo grigio, si possa ritrovare l’entusiasmo per fare calcio in modo professionale, senza rifugiarsi, quando le cose non vanno bene, nascondendosi dietro all’alibi dei settori giovanili, che funzionano poco e male. Evitiamo di ripetere che strumenti come quello descritto non sono per le società dilettantistiche per mancanza di mezzi, perché questo non è vero e lo sappiamo tutti! Il suggerimento è: provate, informatevi, sperimentate.

Weakrisk il futuro del calcio per il calcio del futuro!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/ngN2h9e.jpg

https://i.imgur.com/wldthdP.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07625 secondi