Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LND - Via libera agli spettatori, ma ...

Incomprensibili e contrapposte indicazioni nell’articolo 1 commi e) ed f) del nuovo Dpcm. La solita incoerenza del Governo ricade ancora sui dilettanti. Le speranze sono riposte nel Governatore Fedriga a cui il presidente Canciani dovrà appellarsi

Esulta la Lnd dopo aver letto, purtroppo superficialmente, il nuovo Dpcm in vigore dal 7 agosto e valido fino al 7 settembre in ordine all’apertura al pubblico degli stadi per eventi minori. Perché superficialmente? Perché leggendo invece con attenzione l’articolo 1 commi e) ed f) si intuisce come, per l’ennesima volta, chi scrive questi articoli, di calcio dilettantistico ne capisce ben poco, se non addirittura nulla e talvolta anche la stesura degli articoli lascia a desiderare per le solite interpretazioni e incongruità annesse.

Cosa significa tutto ciò? Semplice, il comma e) inizialmente, per il numero massimo di persone, fa distinzione fra eventi all’esterno (1000 persone) e all’interno (200), peraltro già previste da precedenti Dpcm (facile fare copia incolla), poi però si “dimentica” di fare altrettanta distinzione nel secondo capoverso, il quale  recita: “La presenza di pubblico è comunque consentita esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d’aria, ... omissis ...., misurazione temperatura, mascherine, ... omissis ...”.

E qui casca l’asino, e nella capitale non mancano. Quali sono i campi sportivi dilettantistici che hanno la possibilità di prenotare il posto a sedere, ammesso innanzitutto che ci siano? Com’è possibile prenotare senza gli adeguati strumenti tecnologici di emissione dei biglietti d’ingresso in dotazione alle società professionistiche? E dove non ci sono nemmeno le gradinate ma solo il parterre? Ma lor signori di Roma sono mai stati nei campetti di periferia? Immaginiamo neanche sappiano come siano fatti.

Contraddizione incredibile nel comma f) che consente le competizioni sportive nazionali e regionali solo a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni. Ma ci sono o ci fanno?

A questo punto bisogna appellarsi al nostro Presidente della regione Fvg Massimiliano Fedriga affinchè sia coerente con se stesso e non modifichi l’attuale ordinanza e i protocolli stilati nella Conferenza delle Regioni per la ripartenza degli sport da contatto all’aperto con presenza del pubblico senza troppe restrizioni, ma soltanto quella, prevista oggi in regione, della distanza interpersonale di 1 metro.

Quindi la preghiera che il Presidente Ermes Canciani dovrà dire prima di coricarsi, non sarà rivolta all’Onnipotente, ma al più “terreno” nostro Fedriga.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...















COPPA DISCIPLINA - Ecco le meritevoli

L’ultimo comunicato ufficiale della Federcalcio regionale della stagione 2019/20 ha tra gli allegati le classifiche ufficiali, comprensive quella della Coppa Disciplina, da sempre ritenuta molto importante soprattutt...leggi
28/06/2020

INGOL - Una App pensata anche al calcio femminile

Dopo la inattesa anticipazione sulle norme che entreranno in vigore dal 15 luglio tutto sembra far presagire il ritorno degli sport di contatto all’aperto, tra questi ovviamente il calcio, nelle zone dove l’emergenza e la pande...leggi
04/10/2020



Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07037 secondi