Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


STARTREP - Trevisan: non abbiamo possibilità e voglia di iscriverci

Le dichiarazioni decise del presidente della squadra amatoriale di Cassacco, che a causa del protocollo anti Covid deve rinunciare all'iscrizione alla prossima stagione, dopo vent'anni di militanza: "A queste condizioni è impossibile ripartire, ma penso che lo stesso valga per tutte le società"



Una decisione sofferta ma ormai praticamente inevitabile. Lo Startrep Cassacco del presidente uscente, Simone Trevisan, con ogni probabilità non si iscriverà al prossimo campionato amatoriale Lcfc a causa delle norme che non sono compatibili al calcio amatoriale e dilettantistico. Le parole del massimo dirigente: "Ieri mi sono riunito con gli altri componenti della società per capire come muoverci dopo l'emanazione delle date ufficiali per la ripartenza da parte della Lcfc. In questo momento non ci sono assolutamente le basi per poter ripartire ed è ovvio sia per noi ma penso anche per tutte le altre società. La nostra realtà vive dell'aggregazione al chiosco, situazione ancora vietata dai protocolli, che rendono impossibile l'autosufficienza della società. Anche il resto del protocollo rende impossibile la ripartenza in quanto abbiamo componenti dello staff che non sono più ventenni e sono ad alto rischio, o comunque si troverebbero a contatto con ragazzi che sono chiaramente più inclini ad essere portatori sani del virus. Tutto ciò preclude la ripartenza da parte nostra".

ESTATE - "E' stata strana, un'estate di silenzi in una situazione surreale. Ci siamo riuniti ieri per la prima volta dopo il lockdown. Ho la responsabilità della decisione sul futuro ed allo stato attuale abbiamo deciso di non iscrivere la squadra".

NON ISCRIZIONE - "Dopo vent'anni siamo costretti a questa decisione e sicuramente ci duole il cuore. A nostro parere si dovrebbero aspettare altri due o tre mesi, facendo iniziare il campionato a febbraio, facendolo finire più tardi. In questo caso si potrà ridiscutere sulla nostra iscrizione".

PROTOCOLLO - "Può valere solo per il professionismo ma è assolutamente inadeguato al calcio amatoriale. E' richiesta l'assunzione di responsabilità ma bisognerà vedere ai danni di chi".

LEGA - "Si è comportata bene quando c'era da chiudere ma poi c'è stato un lungo silenzio, interrotto da questa mail inaspettata in cui abbiamo appreso che il termine ultimo per le iscrizioni è fissato per fine mese. Non abbiamo nè la possibilità, nè la voglia di iscriverci a queste condizioni.

INCARICO - "Ogni tre anni per statuto si cambia presidente. Cercherò di lasciare tutte le situazioni in ordine prima dell'avvento di una nuova presidenza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/08/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





LCFC - L'Asd San Vito al Torre raddoppia

Nonostante la stagione sia stata bruscamente interrotta per poi essere annullata, lasciando con l'amaro in bocca le due società che stavano fino a quel momento dominando il campionato di ...leggi
09/09/2020




LCFC - Over 50, nasce una nuova realtà

L'emergenza Covid-19 non ha fermato il movimento amatoriale ed anzi ha dato fermento a nuove idee e collaborazioni. Sicuramente la più importante è stata la nascita di una nuova realt&agr...leggi
02/08/2020








UISP CSI - Nulla è ancora deciso sui campionati

Mentre la Lega Calcio Friuli Collinare ha già ufficializzato il “rompete le righe” con l’annullamento della stagione 2019/20 e la Figc sta cercando di capire come, se, e con che modalità concludere questo campionato sui camp...leggi
20/04/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,49416 secondi