Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TORVISCOSA - Pittilino-Godeas, un'accoppiata che potrà essere vincente

Il tecnico, giunto al secondo anno in biancazzurro, verrà affiancato da Federico Godeas, che ha appena concluso la carriera da calciatore e vorrà maturare esperienza da vice: "E' un'abbinata che può funzionare"

Il Torviscosa torna anche quest'anno all'attacco dell'Eccellenza, dopo lo scorso campionato che, anche a causa del Covid, è sfumato per un soffio ed un ripescaggio che alla fine non è arrivato. Il preparatissimo mister Fabio Pittilino è pronto alla prossima stagione, affiancato da un vice d'eccezione. Federico Godeas sarà infatti al suo fianco al primo anno senza indossare gli scarpini. Un'accoppiata che già dal primo momento sembra funzionare bene, con l'augurio che possa diventare vincente. Abbiamo ascoltato entrambi i mister che ci hanno parlato del prossimo campionato.

Pittilino vuole cancellare la beffa dello scorso campionato:"La finale persa è una ferita ancora aperta, anche perchè secondo me non meritavamo la sconfitta. Il campionato l'abbiamo un po' buttato, è inutile negarlo, però mancavano ancora otto partite. E' bene cestinare la stagione passata e pensare al futuro con rinnovato ottimismo. Gli obiettivi rimangono quelli, tenere una posizione alta in classifica e magari fare un bel regalo al presidente Midolini".

CAMPIONATO - "Le pretendenti sono tante: a mio parere il campionato è più difficile rispetto allo scorso. Chiunque vincerà il campionato sarà più contento di vincerlo sul campo, cosa che non è potuta avvenire lo scorso anno. Resta il rammarico per lo scorso campionato perchè non siamo stati bravi a portare dalla nostra parte una serie di episodi che ci avrebbero fatto conquistare la promozione, seppur anticipata. Speravamo nel ripescaggio, soprattutto all'inizio, ma poi molte squadre a rischio si sono iscritte e non è stato possibile. Per certi versi è meglio così, non vedo l'Eccellenza come un ripiego, anzi sarà un campionato avvincente ed aperto a qualsiasi tipo di risultato. A mia memoria non c'è mai stato un campionato a trentotto partite con tutti questi turni infrasettimanali, che purtroppo potrebbero sporcare un po' i verdetti soprattutto per calciatori che durante la settimana lavorano come i nostri. Sarà fondamentale il serbatoio della Juniores e la gestione degli infortuni. Oltre a noi vedo favoriti il San Luigi, il Brian Lignano, la Pro Gorizia e la "finta giovane" Fagagna che non potrà più essere una sorpresa, ma una certezza, ed il Tamai. Di queste secondo me qualcuna steccherà ma ci saranno anche sorprese. Noi vogliamo fare un bel campionato, la rosa è già completa, valuteremo qualcos'altro ma non penso ci saranno nuovi arrivi perchè sono molto contento del lavoro della società".

ESORDIO IN COPPA -  "Ho voluto due test importanti durante la preparazione con squadre di livello come il Portogruaro ed il Sandonà. Abbiamo raccolto un pareggio ed una sconfitta, contro due squadre sicuramente più in forma di noi, ma ci sono stati tanti spunti positivi. Siamo sulla buona strada e mi aspetto una risposta positiva in coppa".

IMPIANTO - "Abbiamo cercato un campo nella zona di Udine ed abbiamo trovato come sede ideale il comune di Campoformido che ringraziamo e diventerà la nostra nuova casa".

POST COVID - "Bisogna convivere con questo virus, cercando di mantenere le distanze nel limite del possibile ed attenendosi alle norme imposte. Per la salute, mentale ed economica, del calcio dilettantistico è bene ripartire. Non poter più dare la mano ad un conoscente è molto triste, quindi la socialità di un campo di calcio, anche se vissuta a distanza, secondo me va messa ai primi posti".

GODEAS - "E' un'abbinata che può funzionare. Un buon difensore ed un ottima ala possono rappresentare un binomio vincente ed ognuno curerà maggiormente il suo settore di competenza. Lui potrà dare dei consigli importanti per quanto riguarda il lato offensivo quindi potrebbe essere un innesto importante. Abbiamo uno staff importante con punti fermi come il preparatore atletico Castaldo ed il preparatore dei portieri Tomasin Werner".

Proprio Federico Godeas, una volta chiamato in causa, ha detto la sua su questo primo anno da vice allenatore: "E' un'avventura eccitante. Mi sono dovuto arrendere ad un problema di salute, ritirandomi alla soglia dei quarant'anni ma ora sono qui a dare una mano ed a cercare di mettere a disposizione l'esperienza maturata in questi anni da calciatore. La collaborazione con Pittilino sta andando bene e sono molto felice. Lui riesce a coniugare bene l'aspetto tecnico e quello umano, è una dote che spicca. Quando si ha una virtù del genere si parte avvantaggiati. Non ci nascondiamo, la squadra c'è e la società anche, un ambiente del genere non può che ambire a tutti gli obiettivi principali, poi il campo darà il suo verdetto. Il campionato sarà completamente diverso e dovremo capire come gestirci. Sicuramente la rosa ampia aiuterà, ma sarà una novità per tutti quindi bisognerà capire il prima possibile come comportarsi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/uRtXshy.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,36887 secondi