Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


FIGC - Canciani sul nuovo protocollo: eliminata quarantena fiduciaria

Il presidente del Comitato Regionale è orgoglioso delle società: "Ho trovato impianti organizzati in maniera impeccabille, anche meglio di quelli professionistici"

La nuova stagione è ormai sulla griglia di partenza, in attesa dello start ufficiale che arriverà con i primi match di Coppa. In occasione della cerimonia dei calendari abbiamo intervistato il presidente del Comitato Regionale, Ermes Canciani, che ci ha illustrato le novità apportate sul protocollo affinchè fosse più attuabile e compatibile alla realtà del calcio dilettantistico ed ha espresso il suo messaggio di augurio alle società in vista di questo importante nuovo inizio, che si spera possa spazzare la negatività che ha oppresso un po' tutti in questi mesi difficili a causa della pandemia globale.

PROTOCOLLO - "Il nostro piccolo Comitato Tecnico Scientifico che abbiamo messo in piedi ha fatto un grandissimo lavoro. Abbiamo ricevuto centosessanta questionari che ci hanno permesso di farci sviluppare le nostre linee guida che abbiamo successivamente sottoposto alla direzione regionale della Sanità ed all'ass. Riccardi che le ha valutate, controllate e validate. Si tratta della prima regione in Italia ad avere una linea di principio omogenea su tutto il territorio per dare un minimo di sicurezza in più a tutti i soggetti interessati".

NOVITA' - "Dobbiamo imparare a convivere con questo virus, senza azzardare "date di scadenza". Abbiamo chiesto ed ottenuto di eliminare l'isolamento fiduciario nella stragrande parte dei casi. Un calciatore che dovesse essere positivo va in quarantena, ma tutti i suoi compagni in presenza di tampone negativo potranno riprendere le normali attività. Il virus non si trasmette solo negli spogliatoi, ma solo nel calcio e nel mondo del lavoro si viene registrati, mentre se andiamo a fare la spesa non sappiamo con chi siamo a contatto. Questa è stata la leva utilizzata per eliminare il principio sbagliato dell'isolamento fiduciario. Altra situazione sulla quale ci siamo soffermati è stata quella di avere atteggiamenti omogenei, cercando di avere nel limite del possibile comportamenti uguali da parte delle Aziende Socio Sanitarie Territoriali".

SOCIETA' - "Ne ho sentite tante ed ho visitato numerosi impianti, potendo constatare che tutte le società si sono adeguate ai requisiti minimi anti Covid. Ho visto campi organizzati in un modo anche superiori ai professionisti. Il virus è importante e va affrontato con i debiti correttivi e misure di sicurezza".

FESTA CALENDARI - "Abbiamo cercato di fare qualcosa di diverso, Massimo Radina ha scelto Gemona come sede anche per ricordarla in qualità di capitale della ricostruzione post terremoto del 1976. Unire le sinergie in questo momento è utile per dare risposte univoche al nostro mondo, tutti quanti navighiamo sulla stessa barca e questo può aiutare a togliere una patina di incertezza".

TERZA CATEGORIA - "Ho avuto modo di incontrare tutti i presidenti in una riunione a Palmanova ed abbiamo cercato di rimpinguare il numero di società con un torneo Under 23, isolato dal campionato vero e proprio. In questo momento abbiamo un numero importante di squadre iscritte, anche superiore a quello dello scorso anno e stiamo cercando di organizzare il calendario di coppa e campionato. Prima di far ciò vorrei incontrare nuovamente le squadre per capire se le nostre idee siano di loro gradimento o se si dovrà andare a modificare qualcosa. Per me la Terza Categoria vale anche di più dell'Eccellenza e della Serie D perchè ha meno visibilità ma più passione. Abbiamo lavorato tantissimo per il protocollo, ma la Terza Categoria non è stata abbandonata. Abbiamo preferito attendere qualche giorno per capire l'andamento epidemiologico e questa categoria avrà un trattamento di tutela della salute speciale".

STAGIONE - "Auguro a tutti di poter iniziare questa stagione e portarla a termine secondo i piani. Abbiamo avuto mesi difficili, in cui non sapevamo a cosa saremmo andati incontro, e con tanto impegno e fatica abbiamo rimesso in piedi questa attività. Speriamo di poter trovare concretezza e che Dio ci metta la sua mano per poter riuscire a compiere le nostre volontà per questo sport che amiamo tanto. Faccio il mio in bocca al lupo affinchè si possa tornare con il sano divertimento sui campi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,36418 secondi