Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


COPPA ECCELLENZA - Chiarandini papà vincente

Giornata indimenticabile per il tecnico del Tricesimo: è nato Samuel, e gli azzurri hanno domato con un gol per tempo la Gemonese. Ganzini para un rigore ad Arcon

TRICESIMO - GEMONESE  2 - 0
Gol: 13’ Khaye, 62’ De Blasi

TRICESIMO: Ganzini, Zuliani (56’ Gjoni), Mansutti, De Blasi, Cussigh, Petrosino, Condolo (75’ Dedushaj), Osso Andrea, Khayi (71’ Luis Della Pietà), Osso Ale, (65’ Cozzi), Del Piero - All. Stefano Chiarandini

GEMONESE: Nutta, Perissutti, Zuliani (48’ Krsven), Pitau (70’ Londero), Bortolotti, Dukic, Cargnelutti, Buzzi  (Garbellotti), Jogan (70’ Vuerich), Aste (46’ Venturini), Arcon - All. Gianluca Mascia

ARBITRO: Giacomo Trotta sez. Udine - Assistenti: Simone Polo Grillo e Davide Bignucolo sez. Pordenone

NOTE - Ammoniti: De Blasi, Zuliani, Cussigh, Bortolotti, Gjoni, Del Piero. Calci d’angolo: 4-3. Recupero: 1t 0’- 2t 5’

UDINE (Bepi Rigo) - Brinda con una vittoria il debutto in Coppa Italia di Eccellenza del Tricesimo 2020-2021, guidato da Mister Chiarandini, che festeggia il suo esordio ufficiale nel massimo campionato regionale. Sarà difficile per lui dimenticare questa giornata che coincide con la nascita del suo primogenito Samuel. Quante emozioni in poche ore!

Per tornare al match contro la Gemonese, la squadra di casa con un gol per tempo è passata all’incasso dei primi tre punti ufficiali e guida il girone insieme alla Pro Fagagna che di misura riesce ad avere la meglio contro un Flaibano che dopo due partite giocate ed un solo punto in classifica sembra già fuori dei giochi per il passaggio alle semifinali.

Fa caldo, il pomeriggio non è proprio da fine estate, la temperatura intorno ai 30 °C e la scarsa ventilazione, non agevolano il compito di due squadre che stanno completando la preparazione in vista della prima giornata di campionato. Il ritmo non è esaltante, ma fin da subito si assiste a qualche buona giocata. Al 3’ Arcon riceve palla sulla linea di centrocampo, elude la guardai del baby Zuliani, poi converge al centro scagliando un tiro verso la porta avversaria, che esce fuori di poco più di mezzo metro. Suona un campanello dall’arme per la truppa di Chiarandini, che dovrà trovare le giuste misure per assicurare maggiore copertura a quella che potremmo definire il lato debole dei blues. Condolo, De Blasi e Andrea Osso coprono in tutta la sua ampiezza la fascia mediana, garantendo un buon filtro in fase di non possesso, ma non disdegnando di proiettarsi in avanti a sostegno del tridente di attacco. Al 12’ Condolo, prova ad incunearsi nel cuore dell’area gemonese, ma viene steso pochi centimetri prima della linea che la delimita. Il mancino di Ale Osso, è maligno e fa sponda con il petto di Khaye posizionato sul lato destro della barriera. La deviazione diventa imprendibile per Nutta, il quale non può far altro che raccogliere la sfera dal fondo della rete.

Sotto di un gol la Gemonese cerca di reagire allo svantaggio ed al 20’ il tiro da fuori di Cargnelutti incoccia uno stinco avversario impennandosi e costringendo l’attento Ganzini alla smanacciata salvifica in angolo. Sul fronte opposto al 26’ De Blasi libera al tiro Ale Osso, che cerca fortune con il sinistro. Nutta respinge in tuffo.
Non sta a guardare la squadra di Mascia, alla mezz’ora il tentativo su punizione di Arcon, viene respinto dalla barriera. Giornata non certo esaltante per l’attaccante sloveno che al 37’, si vede parare da Ganzini un calcio di rigore non proprio irresistibile. Il primo tempo si chiude con i padroni di casa in vantaggio per 1 a 0.

La ripresa si apre subito con un’occasione per il Tricesimo. De Blasi avvia l’azione e chiama all’inserimento sull’out di sinistra De Piero, abile a puntare il suo diretto avversario per poi servire ancora De Blasi che con un perfetto inserimento va a chiudere l’azione. Provvidenziale la deviazione della difesa in corner. Cominciano le rotazioni, Mascia toglie Max Zuliani e Aste e manda in campo Krvsen e Venturini. Anche Chiarandini effettua il suo primo cambio sostituendo Filippo Zuliani con il 2003 Gjoni (occhio al ragazzo!). Il pallino del match rimane in mano ai padroni di casa che al 17’ raddoppiano il vantaggio. De Blasi pennella una parabola imprendibile per Nutta, scaricando il piazzato all’incrocio dei pali dopo che la palla aveva oltrepassato la barriera. Ale Osso lascia spazio a Cozzi, Lius della Pietà e Dedushaj prendono il posto Khay e Condolo. Anche gli ospiti mettono in campo forze nuove: Londero, Vuerich e Garbellotti si alternano a Pitau, Jogan e Buzzi. Ma la musica non cambia. La squadra di Chiarandini gioca sul velluto, concede poco agli ospiti e Ganzini di può togliere il lusso di dribblare sfacciatamente Arcon. 5’ di recupero e poi tutti sotto la doccia, con il pensiero alla prima di campionato che si giocherà domenica prossima (il Tricesimo giocherà contro il Tamai sul campo di Majano), e perché no all’infrasettimanale di Coppa di mercoledì 30 settembre, che potrebbe rappresentare per la squadra del presidente Sorrentino una tappa di avvicinamento fondamentale per l’approdo alle semifinali.

Antonino De Blasi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da Antonino De Blasi il 19/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06919 secondi