Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ECCELLENZA - Il Brian Lignano piega la Pro Gorizia

A Precenicco i padroni di casa si impongono per 1-0 sulla formazione di Franti. Decide il confronto il colpo di testa perfetto di De Marc, armato da Stiso, al minuto 77

BRIAN LIGNANO - PRO GORIZIA  1-0
Gol: 77’ De Marc

BRIAN LIGNANO: Turrin, Gobbato (88’ Stiso C.), Benussi, Cudicio, Di Lenardo, De Marc, Chiaruttini (57’ Calliku),  Stiso G., Cusin (63’ Smrtnik), Alessio, Cristofoli - All. Luigino Sandrin

PRO GORIZIA: Grubizza, Malaroda, Goubadia, Raffa (74’ Raugna)Arcaba, Catania, Samotti, Aldrigo (83’ Giacobbi), Pillon (51’ Marianovic), Grion, Bardini (57’ Ime Akam) - All. Fabio Franti

ARBITRO: Leorsini di Terni - Assistenti: Bignucolo D. e Bignucolo O. Sez. Pordenone

Note - Ammoniti: De Marc, Calliku, Samotti, Goubadia. Calci d’angolo 6-3. Recupero: 1t. 1’ - 2t. 6’.

Di misura la Brian Lignano, la spunta sulla Pro Gorizia, capitalizzando al massimo l’unica vera occasione a proprio favore della ripresa. La sblocca al 77’ De Marc abile a svettare in area più in alto di tutti e a colpire di testa il perfetto piazzato di Stiso. Se la rete dei padroni di casa legittima un primo tempo di maggior convinzione e maggior voglia in cui avrebbe meritato di passare in vantaggio, occorre dire, ad onor del vero, che il gol che assegna l’intera posta alla squadra di Sandrin, arriva forse nel momento migliore degli isontini.
L’anticipo della prima giornata del campionato 2020-2021 comincia con il minuto di silenzio disposto dal presidente federale Gabriele Gravina, per la morte dell’arbitro salentino Daniele De Santis e della sua compagna, scomparsi tragicamente nei giorni scorsi a seguito di un’aggressione.
Puntualissimo alle 16.00 il fischio di inizio del signor Leorsini, che per lunghi tratti della gara dirige all’inglese, parla con i giocatori, spiega ed impiega a piccole dosi il cartellino giallo.
Partenza sprint della Brian, Stiso è il primo a provarci dopo poco più di due minuti dall’inizio, la sua conclusione finisce out. Difesa alta e pressione sulla trequarti avversaria, la chiave tattica adottata da Sandrin. La Pro appare piuttosto impaurita dalla veemenza dei giocatori biancazzurri, e fatica non poco ad uscire dalla propria metà campo. Al 9’ Alessio riceve palla da Stiso, chiuso da un attento Goubadia in corner, poi il tentativo di testa al 14’ di Cusin servito da Chiaruttini, finisce fuori. In gran spolvero il “10” di casa, il 2000 Mattia Alessio, che spostato sulla sinistra converge e fa partire un diagonale destinato al bersaglio grosso, al 21’ diventa provvidenziale il muro di Arcaba con il corpo. Due minuti dopo Grubizza si salva in corner su tiro di Cusin. Al minuto 25 Cudicio esce con prepotenza dalla sua linea difensiva e scarica al limite dell’area per Cusin ancora una volta in angolo. Col passare dei minuti i padroni di casa aumentano i giri e cercano lo strappo decisivo che li possa portare in vantaggio. Alla mezz’ora Di Lenardo prova il destro da fuori area, alto, e si ripeterà a tre dalla fine del tempo quando Cristofori difende palla lungo la linea dell’out poi smista al centro ma il destro a giro di Di Lenarda si perde ancora alto. Prima dello scadere dei primi 45’ Cristofori cerca la conclusione vincente di testa ma la mette di poco fuori alla destra di Gubrizza. Un solo minuto di recupero e squadre negli spogliatoi a riordinare le idee.
La pausa sembra aver giovato alla squadra di Franti che al rientro dagli spogliatoi, appare rinvigorita. Dopo solo tre minuti, costruisce la sua prima occasione, Aldrigo mette subito alla prova i buoni riflessi di Turrin che si fa pero trovare pronto. Franti toglie Pillon e manda in campo Marianovic, Stefani (che sostituisce lo squalificato Sandrin) risponde con la mossa Calliku per Chiaruttini. Non si lascia intimidire mister isontino e cambia Bardini con Ime Akam, che entra subito in partita creando più di un’apprensione alla retroguardia di casa. Le sue continue accelerazioni e il suo svariare su tutto il fronte d’attacco da destra a sinistra, rendono la manovra della Pro meno prevedibile rispetto alla prima parte di gara. Col passare del tempo la stanchezza rende meno incisivo il pressing dei rivieraschi concedendo così metri di campo a Grion che prende in mano le operazioni nella tre quarti avversaria. Stefani toglie Cusin, ormai privo di forze, dopo poco più di un’ora e manda in campo Smrtnik.
Intorno alla mezz’ora Ime Akam prende la mira dal vertice sinistro dell’area di rigore pennellando un interno destro a giro che manca di poco l’incrocio dei pali, sprecando malamente un’ottima occasione per passare in vantaggio. Vantaggio che si concretizza sul fronte opposto. Al 32’ Samotti commette fallo 5 metri fuori dal vertice dell’area di rigore. Nel contatto rimedia qualche contusione ed esce fuori dal campo per farsi medicare. Stiso piazza la sfera, e disegna la parabola perfetta per De Marc, praticamente solo in area, non fatica a saltare più in alto di tutti e a mettere la sfera alle spalle di Grubizza. Isontini gelati dallo svantaggio. Nei minuti finali, la sostituzione di Raugna per uno spento Raffa e l’ingresso in campo di Giacobbi al posto di Aldrigo non danno la svolta sperata alla squadra di Franti.

Antonino De Blasi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/bECuzHT.jpg

https://i.imgur.com/Em89WKD.jpg

https://i.imgur.com/gQg7H6F.jpg

https://i.imgur.com/WUCb0Ir.jpg

https://i.imgur.com/qaWsHeH.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da Antonino De Blasi il 26/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14202 secondi