Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PRIMA A - Il Teor strapazza il Ceolini: che il girone sia giusto?

La squadra di Pittana domina in lungo e in largo la sfida con i giallorossi di Giordano, imponendosi per 4-1...

TEOR - CEOLINI  4 - 1
Gol: 15’ pt. (rig.) e 24’ pt. Zanin, 1’ st. Fongione, 10’ st. Gourchane, 28’ st Maluta (rig.).
 
TEOR: Cristin, Bianchin, Del Pin, Paron, Ponte, Comisso, Zanin, Hatcau, Fongione (16’ st. Coppino, 35’ st. D’Auria), Gourchane (40’ st. Paroni), Corradin. All. Willy Pittana.
 
CEOLINI: Moras, De Marco, Bruseghin, Tesser, Santarossa, Boer, Vedana, Sist (14’ st. Bortolin), Pascot (18’ st. Della Gaspera), Maluta, Piccin (4’ st. Tomasella). All. Marzio Giordano.
 
ARBITRO: Giacomo Curreli di Pordenone.
 
NOTE - Ammoniti Santarossa, Bruseghin, Bianchin.
 
Teor. Verrebbe quasi da dire che c’è un gol di troppo nel tabellino, quello del Ceolini, arrivato su rigore nell’unico tiro effettuato dagli ospiti nei 90’ e passa di gioco a gara abbondantemente chiusa. Per il Teor, invece, è un bell’incipit che spazza subito via i malumori registrati fino al fischio d’inizio per l’inserimento nel girone A, dopo che il covid aveva interrotto il precedente campionato nel B. Il buongiorno della stagione lascia intendere che forse è meglio così.
Giallorossi gli ospiti, giallorossi i padroni di casa, che allora indossano l’abito scuro adattissimo al gioco elegante ricamato da due ali imprendibili, Zanin e Corradin, un frangiflutti insuperabile come Omar Paron ben coadiuvato da Hatcau, e due giovani effervescenti come Fongione, dinamico in attacco, e Omar Goiuchane, tessitore fine di giocate con il pallone incollato ai piedi. A proposito di giovani, salta agli occhi la media delle carte d’identità: 26 anni per i pordenonesi, 31 per i friulani, ma si sa che a Teor esiste la fonte dell’eterna giovinezza.
 
Un bel destro dal limite al 3’ di Zanin impegna subito il 22enne Moras che si rivelerà il migliore dei suoi quando gli si chiede il possibile. E al 15’ quasi quasi arriva all’impossibile intercettando (ma non abbastanza per impedire il gol) il calcio di rigore di Zanin, concesso per un fallo inutile e ingenuo di Santarossa che si becca l’amonizione.
Il vantaggio non ferma il Teor e non scuote il Ceolini: al 20’, azione d’angolo, Gouchane sottoporta gira alto, al 22’ astuto tocco in rovesciata di Zanin che si adagia sulla faccia alta della rete. Sono gli squilli che annunciano il raddoppio: bel lavoro di Fongione a destra, cross sul palo lontano palo dove Zanin è bravo a farsi trovare libero da avversari per girare il pallone in rete.
Chiede ancora un paio di rigori il Teor, a testimonianza della sua totale superiorità che si concretizza ancora con il tris a inizio ripresa. Arrivato, va detto, in modo rocambolesco, perché sul bello spunto di Del Pin che serve rasoterra all’altezza del dischetto, Fongione calcia non irreprensibilmente, impennando la palla in una traiettoria che scavalca beffardemente  Moras. E, se non bastasse, i friulani di Pittana calano il poker al 55’, con Gourchane, il più rapido a risolvere la mischia che si crea nell’area piccola ospite su corner.
Moras si rifà al 60’ quando la sua manona strozza in gola l’urlo di gioia di Corradin, bravissimo ad addomesticare la palla e scaraventarla verso il portierone.
Al 73’ ecco finalmente il Ceolini: la penetrazione in area di Della Gaspera è ostacolata da Bianchin. Per Curreli è rigore che Maluta trasforma addolcendo un pochettino l’amarezza della sconfitta.
 
Una curiosità: dura solo 19’ la gara di Coppino che al 61’ sostituisce Fongione (22 anni meno di lui) e all’80’ è costretto a lasciare il campo per D’Auria che ha addirittura 26 anni di meno. Eros e i suoi figliocci…

Angelo Miorin
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/f5d5ZQ8.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/09/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13220 secondi