Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - La sfida con il Ravenna anticipata a sabato

Gli alabardati saranno poi impegnati mercoledì a Pesaro nel turno infrasettimanale. Contro i romagnoli assente lo squalificato Tartaglia. Gautieri lo compensa con la new entry Capela. «Meglio brutti ma più attenti. Pensiamo a migliorarci», così il bomber Granoche

La sfida interna con il Ravenna è stata anticipata di 24 ore e cioè alle ore 15 di sabato 17. Questo perchè mercoledì prossimo ci sarà un turno infrasettimanale e la Triestina andrà a Pesaro. Ma intanto l'Unione dovrà dare squilli di risveglio poichè aver perso due gare (su quattro) contro due neo-promosse non è un bel segnale soprattutto per le prestazioni coincidenti (poca aggressività, corsa e incisività). Il Ravenna, tra l'altro, ne ha persa una finora e vinte tre, una in più del team giuliano. La formazione alabardata non avrà ancora i vari infortunati degli ultimi tempi e in più sarà senza lo squalificato Tartaglia, ma la sua defezione in difesa è compensata dall'aver puntellato la retroguardia con l'acquisto del portoghese Capela. Il match Triestina - Ravenna, valevole per la quinta giornata, sarà diretto da Matteo Centi di Viterbo con il supporto di Marco Cerilli di Latina e Marco Orlando di Ferraioli. Al bresciano Stefano Nicolini il ruolo di quarto uomo.

Così il bomber rossoalabardato Pablo Granoche: «E' difficile spiegare la sconfitta di domenica scorsa, perchè avevamo fatto un buon primo tempo e creato delle buone occasioni per passare in vantaggio. Eppure abbiamo preso gol e il raddoppio di inizio ripresa ci ha tagliato le gambe. Dobbiamo correggere quelle piccole cose, che poi paghiamo a caro prezzo. Tanto più in quelle partite in cui non si riesce a far gol per un motivo o per un altro. E se poi vai sotto, è difficile recuperare. Ad esempio dobbiamo stare attenti a non perdere certi palloni, quando vogliamo uscire palla al piede. Magari bisogna essere più brutti pur essendo stati costruiti in un certo modo, ma anche più attenti. Però la sconfitta, che brucia di più, è quella con il Matelica. Pensiamo in ogni caso a migliorarci».

Massimo Laudani 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08149 secondi