Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


ECCELLENZA - Mascia: rigore decisivo. Musolino: buon pari

Il mister della formazione locale recrimina sul calcio di rigore: "Non so se ci fosse ma ci ha tagliato le gambe". Dall'altra parte il tecnico gialloblu, invece, è soddisfatto della gara dei suoi: "Nella ripresa ci abbiamo creduto ed abbiamo iniziato a far girare la palla, non era facile pareggiare qui ed è un punto che prendo con grande soddisfazione"

Equilibrio totale tra Gemonese e Sistiana con la gara valevole per la sesta giornata del campionato di Eccellenza, che si è conclusa con il risultato di 1-1. Un tempo per parte, con i padroni di casa che hanno fatto valere il loro predominio territoriale nella prima frazione di gioco e gli ospiti che, invece, sono usciti dagli spogliatoi con un piglio diverso e la voglia di recuperare lo svantaggio inziale. I giallorossi sono passati in vantaggio al 12' con Zigon e praticamente allo stesso minuto della ripresa è giunto il pareggio con Germani che ha realizzato il penalty. A fine gara il mister ospite Musolino è parso piuttosto soddisfatto ed esordisce con un “ci abbiamo messo un tempo a cominciare a giocare, i gemonesi hanno iniziato molto più aggressivi, molto più determinati, poi abbiamo provato a cambiare qualcosina; abbiamo iniziato con la difesa a cinque, ma con loro con un'unica punta forse era un po’ eccessivo e siamo passati a quattro, ma nel primo tempo anche modificando il modulo non è cambiata la partita. Nel secondo tempo c’è stato un atteggiamento diverso: possono gli schemi e i numeri - continua Musolino – ma conta soprattutto l’intensità ed il modo in cui interpreti la gara. Ci abbiamo creduto, abbiamo cominciato a far girare la palla in mezzo al campo che è la nostra qualità principale, mentre prima calciavamo palla lunga inutilmente. Son contento – prosegue Musolino – abbiamo fatto un buon pareggio e non è facile pareggiare qui, soprattutto quando vai sotto e devi poi recuperare, per cui è un punto che prendo con grande soddisfazione”. In prospettiva futura mister Musolino spera di poter continuare a giocare, “perché con l’aria che tira non si sa se si va avanti o meno”. “Noi siamo una matricola” continua il mister triestino, “dobbiamo fare esperienza, la squadra è molto giovane perché, a parte Alen Carli, sono tutti ragazzini dal ’97 in poi e quindi il campionato deve essere una palestra per crescere, e quest’anno deve arrivare una salvezza il più possibile senza grandi sofferenze”.

Oggi abbiamo visto una partita dai due volti, nel primo tempo la Gemonese è passata in vantaggio, ha giocato, ha avuto il predominio territoriale, poi nel secondo tempo le cose sono cambiate: "Da come l’ho letta io, il rigore ci ha tagliato le gambe – esordisce il mister gemonese Gianluca Mascia – siamo spariti dal campo, poi se il rigore c’era o non c’era non lo so perché ero lontano, ma comunque c’ha tagliato le gambe e, probabilmente, senza quel rigore prendevamo di nuovo campo; a mio parere il Sistiana è una squadra molto tosta, l’ha dimostrato, però avevamo la partita in mano e dovevamo chiuderla prima”. Per il tecnico di Tarvisio le assenze di Pitau e Bortolotti “sono pesate tantissimo perché, soprattutto fisicamente, per noi è tanta sostanza”. Il mister elogia il 2002 Vidotti, al suo esordio dal primo minuto: “E' stato bravissimo, ha tenuto reparto da solo, chiaramente deve crescere perché assaggiare l’Eccellenza non è semplice”.

Andrea Citran

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/Yb2RILQ.jpg

https://i.imgur.com/Hn6n3SJ.jpg

https://i.imgur.com/nXtDt9C.jpg

https://i.imgur.com/DMGuR1L.jpg

https://i.imgur.com/OSJZz1h.jpg

GEMONESE – SISTIANA 1-1 (p.t. 1-0)
Gol: Zigon al 12’pt e Germani (rig.) all’11’st.

GEMONESE: Nutta, Perissutti, Zuliani, Gregoric, Krseven, Djukic, Cargnelutti, Buzzi, Vidotti (32’st Vuerich), Zigon (36’st Londero), Arcon; a disposizione Conchin, Pitau, Di Bernardo, Bertoli, Venturini, Molinaro, Garbellotti. Allenatore Gianluca Mascia.

SISTIANA SESLJAN: Colonna, Crosato, Del Bello, Francioli (20’st Vasquez), Kozmann, Carli, Pitacco (44’st Zicchinolfi), Taucer, Germani, Disnan, Colja (24’st Sammartini); a disposizione Gon, Vecchio, Kosuta, Bossi, Madotto. Allenatore Gianfranco Salierno (mister Musolino squalificato.

ARBITRO: Gianluca Toselli della Sezione di Gradisca d’Isonzo; assistenti Nicola Bitto e Alessandro Miani della Sezione di Pordenone.

NOTE: ammoniti Djukic (5’pt), Francioli (41’pt), Arcon (22’st), Pitacco (24’st), mister Mascia (30’st), Buzzi (32’st), Zicchinolfi (fine gara); calci d’angolo 10-6 per il Sistiana; recuperi 1’ e 3’.

 

GEMONA DEL FRIULI – Pareggio sostanzialmente giusto nell’anticipo fra la Gemonese di mister Mascia e il Sistiana di mister Musolino, accomodatosi in gradinata in quanto squalificato. Primo tempo a favore della Gemonese, che ha capitalizzato l’occasione avuta ma ha anche mantenuto l’iniziativa attraverso un recupero alto sistematico della palla, non dando ai triestini la possibilità di manovrare. Per la cronaca la prima occasione è peraltro per il Sistiana, al 4’, con un gran tiro a giro dalla destra di Crosato che si stampa sulla traversa della porta difesa da Nutta. Al 12’ la Gemonese passa in vantaggio: bella giocata di Buzzi a centrocampo, con palla che arriva sulla sinistra a Zuliani sul cui cross si proietta Zigon che, di testa, infila la sfera in rete. Al 26’ ancora una opportunità per la squadra di casa, ma la punizione dal limite di Zigon termina di poco alta sulla traversa.

Nel secondo tempo cala sul piano fisico la Gemonese (d’altronde era difficile mantenere il ritmo “indiavolato” della prima parte di gara), il Sistiana, invece, comincia a comporre delle trame interessanti, alza da terzino a centrocampo Crosato, il quale da notevole qualità al gioco, ottiene il pareggio su un rigore che ha suscitato le proteste dei padroni di casa, però crea altre buone occasioni per andare in vantaggio. Al 4’ la prima conclusione nello specchio della porta da parte del Sistiana, ma il tiro dal limite di Disnam viene parato a terra da Nutta. Un minuto dopo, su azione da calcio d’angolo, è Colja ha colpire di testa, ma il pallone termina sul fondo. La Gemonese non lesina le ripartenze e, al 9’, Zigon ha una buona opportunità, ma conclude sul fondo a portiere battuto; un minuto dopo, sul fronte opposto, è Colja a non centrare lo specchio della porta. All’11’ un tocco di mano di Krseven nell’area della Gemonese viene punito dall’arbitro Toselli con un calcio di rigore, trasformato da Germani con “palla da una parte e portiere dall’altra”. Il pallino del gioco è nelle mani del Sistiana, ma al 25’ è Kozmann che deve intervenire, con un salvataggio su Zigon al limite dell’area piccola, e al 26’ è Vidotti che cerca la sortita nell’area del Sistiana, ma viene contratto e finisce a terra. Al 35’ Germani vede Nutta fuori dai pali e, da quarantacinque metri, calcia verso la porta gemonese, bravo il portiere gemonese ad arretrare velocemente ed a salvare in calcio d’angolo con un plastico volo. I minuti finali vedono il Sistiana che preme alla ricerca del gol-vittoria, ma il risultato non cambia e la gara termina sull’1-1.

Una partita decisamente piacevole, con continui cambi di fronte. Buono l’esordio dal primo minuto nella Gemonese del 2002 Stefano Vidotti, soprattutto nel primo tempo nel quale è stato molto utile alla squadra, ha legato molto il gioco, è mancato un po’ in attacco ma, dalle indicazioni che gli dava il mister in corso di gara, gli è stato chiesto di venire incontro, di far girare la palla, meno di attaccare la profondità. Per la Gemonese molto positiva la prestazione di Gregoric, giocatore importante per la formazione di casa, recupera palloni, protegge molto bene la difesa e fa ripartire la quadra; molto bene anche Buzzi, dinamico, molto aggressivo con la giusta “cattiveria”, molto difficile da superare. Per il Sistiana molto bene Crosato, decisamente una spanna sopra gli altri, e, nel secondo tempo, il numero nove Germani.

Andrea Citran


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 25/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14262 secondi