Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - Bocca amara per Maracchi. Milanese: troppe positività

Domani la squadra rosso-alabardata affronta l'Imolese e il centrocampista suona la carica dopo due gare che hanno prodotto altrettante divisioni della posta. L'amministratore delegato: "Fermare il campionato per un paio di settimane potrebbe essere in questo momento la mossa giusta"

La Triestina ritrova l'erba del suo stadio per ospitare l'Imolese nel turno infrasettimanale di mercoledì 11/11. A dirigere la gara sarà Federico Fontani di Siena, che sarà coadiuvato dagli assistenti Federico Pragliola di Terni e Salvatore Emilio Buonocore di Marsala. La divisa da quarto uomo spetterà invece a Daniele Perenzoni di Rovereto. Fischio di inizio alle 15 in diretta streaming su elevensports (anche gratuitamente sulla pagina facebook) e streaming audio sul sito interner di Radio Attività (le “vecchie” radioline sono utilizzabili solo a Trieste).
Unione sempre alle prese con infortuni, acciacchi ed elementi non al top. In più c'è anche la situazione-positività, che ha limato ulteriormente la rosa a disposizione.
Così il centrocampista rossoalabardato Federico Maracchi: “C'è ancora dell'amaro in bocca per le ultime due partite, in cui siamo passati in vantaggio in entrambe e alla fine le abbiamo pareggiato ambedue. Forse non abbiamo ancora trovato la quadratura giusta, che una grande squadra deve avere. C'è però molto equilibrio, il campionato è combattuto e siamo tutti là. Ci sono sei – sette pretendenti per vincerlo, l'importante è avere la continuità. Bisogna tener duro anche con tutti i protocolli e i tamponi. Tra l'altro ci hanno tolto anche la presenza dei mille spettatori, che era comunque una cosa piacevole. Lo stadio vuoto non aiuta”.
E ora... “Abbiamo l'Imolese, sarà comunque una partita difficile, pure perchè abbiamo perso molti punti con le piccole e allora dobbiamo tenere alta la concentrazione. Il cambio modulo di sabato scorso, se riproposto, può aiutarci”.

E l'amministratore delegato – d.s. Mauro Milanese: “Ci sono 185 casi di positività in Lega Pro, perchè c'è stato un aumento dei contagi. Perciò le due possibilità sono due secondo me e cioè o si irrigidiscono i protocolli o si ferma il campionato per un paio di settimane per far sfogare i casi. Giocare con gli juniores significa falsare il campionato, perchè non si gioca ad armi pari. Se si blocca la nostra categoria per un periodo, non succede nulla di grave (ma da questo orecchio il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli non ci sente attualmente, ndr). Di mezzo c'è la salute, anche perchè bisogna viaggiare in regioni rosse o arancioni. Noi al momento siamo pure limitati da questa situazione, in ogni caso scenderemo in campo per vincere”. (m.l.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07902 secondi