Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE A - Quale destino per l'Udinese stagione 2020-2021?

Riusciranno i bianconeri a salvarsi con pieno merito?

Pare impossibile eppure l’Udinese di quest’anno sembra aver scordato, come per magia, che squadra è ed è sempre stata. Noi per primi non ci crediamo, ma i bianconeri non riescono proprio a fare risultato: in meno di 10 partite disputate, siamo riusciti a ottenere 0 punti con il Verona, con lo Spezia, con la Roma, con la Fiorentina e con il Milan, per altro non demeritando. E dire che i friulani negli anni ci avevano abituato benissimo: dall’Udinese di Bierhoff a quella di Di Natale, lo spettacolo per noi tifosi non è mai mancato. Oggi evidentemente qualcosa non sta funzionando, visto che la formazione di Gotti sta occupando le zone meno nobili (per usare un eufemismo) della Serie A. Già, ma cosa?

Tra indisponibili di lungo corso e innesti dell’ultimo minuto
Le attenuanti che giustificherebbero l’attuale falsa partenza dell’Udineseci sarebbero tutte: se consideriamogli infortunati di lungo corso, su tutti Mandragora a cui recentemente si è aggiunto tra gli altri Pereyra, e gli innesti dell’ultimo minuto, come il talentuoso e non al meglio della condizione Deulofeu, l’allenatore Gotti avrà molto da lavorare per trovare la quadratura del cerchio. L’eterogeneità di una rosa che manca di alcuni suoi importanti interpreti non ha permesso ai bianconeri di partire in scioltezza verso la destinazione chiamata“tabellone di metà classifica”perché ci vuole del tempo per far crescere una squadra che per ora è talentuosa solo sulla carta. Non dimentichiamo infatti che nell’Udinese militano i vari De Paul, Musso, Okaka e Lasagna, e non certo giocatori alle prime armi! Insomma: per trovare l’alchimia tra i reparti bisognerà avere pazienza, pazienza che nel calcio purtroppo viene meno con estrema facilità.

Una brutta botta, ma ci riprenderemo!
Nessuno di noi in effetti si aspettava una partenza così negativa da parte dell’Udinese, squadra che storicamente non si è quasi mai trovata a dover lottare per non retrocedere. Certo, la Serie A è appena iniziata e di tempo ce ne è per risalire la china, però è difficile capacitarsi del fatto che i bianconeri, che dispongono di una rosa di buon livello, possano incontrare difficoltà un po' con tutti gli avversari; contro il Sassuolo, per fortuna, abbiamo assistito a una confortante inversione di rotta, considerando che la formazione di Gotti non solo ha retto l’urto di una squadra che sta facendo grandi cose, ma con Rogerio e De Paul, i migliori in campo, ha provato a imbastire qualche interessante ripartenza. Non sarà molto direte voi ma è pur sempre un inizio da cui partire per arrivare a una salvezza che è assolutamente nelle corde dell’Udinese, come testimoniato dai più importanti pronostici calcio che non la danno certo per vittima sacrificale, anzi…Assorbita la brutta botta iniziale, siamo certi di poterci riprendere grazie anche alle magie di Deulofeu.

L’inserimento di Deulofeu: la chiave del successo friulano
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
Se Deulofeu riuscirà a recuperare appieno dal recente infortunio al crociato e al menisco, tornando a essere il giocatore impressionate dei tempi del Barcellona, in quel caso l’Udinese, oltre alle solite sgroppate di Okaka e al talento cristallino di De Paul, avrebbe un’arma in più da utilizzare contro le squadre avversarie, e che arma! L’attaccante esterno sinistro, che all’occorrenza può giocare anche sulla destra, è un esperto dell’uno contro uno e anche un discreto realizzatore. Il suo apporto potrebbe risultare decisivo per l’Udinese, ma solo se il giocatore tornerà in forma al 100%. Anche nel suo caso bisognerà avere pazienza perché potrà essere sì recuperatoma con gradualità; certo che il solo fatto di disporre di una freccia in grado di creare superiorità numerica è una bella notizia per quest’Udinese in cerca di un’identità. Tenendo presente che l’arrivo dello spagnolo è il classico colpo da 90 per i bianconeri e che la luce in fondo al tunnel si sta perintravedere, come testimonia la gara contro il Sassuolo, siamo certi che tra poco non occuperemo più le zone di bassa classifica, “luogo” che non compete all’Udinesevista la bontà della sua seppur eterogenea rosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11571 secondi