Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


AZZURRA - Bovio: Ripartenza dura, ci saranno ancora problemi fisici

Il tecnico della formazione udinese pensa alle problematiche che avrà l'ulteriore stop sui suoi ragazzi e su tutti i calciatori: "Gli allenamenti da casa non sono paragonabili ad una partita di calcio, purtroppo l'inattività non fa bene al fisico"

Tanta fatica sotto il caldo cocente di quest'estate che verrà vanificata da questo ulteriore blocco dei campionati, che rischia di compromettere in maniera seria il fisico dei calciatori. Su questo ed altri problemi dovuti al Covid si è soffermato Stefano Bovio, tecnico dell'Azzurra Premariacco che pensa alla, si spera rapida, ripartenza dei campionati: "Siamo ormai fermi da quasi un mese, ma cerchiamo di tenerci in contatto con i ragazzi con video riunioni e chiamate per tenere alto il morale. Abbiamo deciso di non allenarci finchè i tempi non saranno migliori, ma abbiamo voglia di riprendere perchè ci siamo fermati quando avevamo raggiunto una buona condizione atletica. Speriamo di poter ripartire a breve, ma sarà un nuovo inizio e tutta la preparazione estiva è già stata vanificata".

COVID - "La situazione non è delle più rosee e non si sa quando potrà migliorare. Anche io ho contratto il virus, ne sono uscito bene ma è stata lunga perchè sono stato in isolamento per tre settimane".

BLOCCO - "Ero convinto che si potesse andare avanti anche perchè nel dilettantismo regionale non c'era un numero così eclatante di positività e se c'erano, arrivavano comunque da situazioni esterne. Noi abbiamo seguito alla lettera tutti i protocolli e non ci sono stati contagi anche dopo la mia positività, quindi pensavamo che si potesse andare avanti. Ci saranno sicuramente delle problematiche fisiche e questo è un peccato ma non ci si può far nulla, l'inattività crea questi problemi ed anche allenandosi in casa non si riesce a riprodurre il ritmo e l'intensità di una partita di calcio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14363 secondi