Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SANVITESE - Trentin: stop delle attività, vogliamo riprendere presto

Il direttore sportivo biancorosso racconta questo momento difficile, soffermandosi soprattutto sul settore giovanile: "Appena la Regione ce lo permetterà, daremo la possibilità ai ragazzi di tornare in campo, non tanto per gli allenamenti in sè ma per regalare un attimo di sollievo e di gioia"

Blocco totale anche per la Sanvitese, che si è uniformata alle restrizioni imposte dalla fatidica "zona arancione" ed ha fermato le attività almeno per due settimane. A comunicarlo è il direttore sportivo, Paolo Trentin, che ci ha raccontato le difficoltà nel bloccare un settore giovanile virtuoso, che raccoglie tutti i ragazzi della zona e dei comuni limitrofi: "Abbiamo dato ai ragazzi la possibilità di fare calcio finchè la Regione ce l'ha permesso, con tutte le limitazioni e nel rispetto dei protocolli. Ora, però, siamo in zona arancione ed abbiamo deciso di fermarci per un paio di settimane per aspettare l'evolversi della situazione. Non è un momento facile, è fermo il settore giovanile come anche la prima squadra nel rispetto di ciò che ha consigliato il presidente Canciani e per non mettere in pericolo i ragazzi ed i parenti".

QUOTA SOCIALE GIOVANILI - "Abbiamo fatto uno sconto dovuto al fatto che durante il lockdown ci siamo dovuti fermare. Siamo una società dilettantistica però abbiamo fatto questo piccolo sforzo anche grazie al Comune di San Vito per alleggerire i sacrifici delle famiglie in questo momento difficile. Fino alla settimana scorsa abbiamo svolto regolarmente le attività e gli allenamenti per i ragazzi, mentre la decisione di fermarci per due settimane è stata accettata e condivisa da tutti i ragazzi e dalle famiglie. Se la Regione dovesse tornare almeno in zona gialla potremo riprendere l'attività calcistica, non tanto per l'allenamento in sè ma per dare un attimo di sollievo e di gioia ai ragazzi".

RIPRESA - "Vogliamo riprendere il più presto possibile ed in maniera adeguata, sperando che ci sia una ripresa veloce e continuativa. Il presidente Canciani ha detto che probabilmente il settore giovanile e tutti gli altri campionati regionali riprenderanno a fine gennaio, spero che sia una situazione attuabile e di buon auspicio per la fine di questa pandemia ed un rapido ritorno alla normalità. Come Sanvitese raccogliamo ragazzi del nostro comune e di quelli limitrofi, quindi abbiamo cercato di dare il miglior servizio nei limiti delle possibilità e delle restrizioni. Purtroppo siamo in una situazione in cui nulla è da dare per scontato ed i ragazzi lo stanno capendo, proprio per questo quando ce n'è la possibilità rispondono sempre con grande entusiasmo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF

  Scritto da La Redazione il 19/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11876 secondi