Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


RIFORMA - Ronco: si rischia di far sparire il settore giovanile

Il presidente del Donatello commenta il cambiamento: "Spero che non vada in porto, sicuramente non entrerà in vigore prima di un biennio ma penalizzerebbe società virtuose come la nostra"

Anche Simone Ronco, presidente del Donatello che è da sempre una società leader nella formazione dei giovani calciatori, si è espresso sulla riforma proposta dal Ministro dello Sport Spadafora e che rischia di far crollare su sè stesso il calcio giovanile e quello dilettantistico: "Spero che la LND faccia capire a chi di dovere che una società dilettantistica, che cura il settore giovanile, rischia di sparire con una riforma del genere. La cosa che aggrava tutto è che arriva nel momento di maggior crisi degli ultimi anni dovuta al Covid, magari in un altro momento se ne sarebbe parlato e discusso, ma ad oggi è inammissibile. Le rette mensili ovviamente vengono a mancare senza attività, gli sponsor idem, così si fa davvero dura. Ci sono società che basano la propria storia lanciando i giovani del proprio vivaio sia nei dilettanti che nei professionisti quindi andando avanti per questa strada si mette a rischio tutto il movimento calcistico. Noi stessi siamo da sempre riconosciuti per il nostro settore giovanile che è un'eccellenza. Penso e spero che tutto ciò non andrà in porto".

ENTRATA IN VIGORE - "Confrontandomi con il mio legale ho saputo che, se verrà attuata, questa riforma non entrerà in vigore prima di due anni perchè si studieranno dei "paracadute" per le società. Resta da capire se questa riforma sarà retroattiva, e dunque interesserà anche i giocatori attualmente sotto contratto, o se riguarderà solo i giovani che arriveranno nel nostro vivaio dopo l'entrata in vigore di questa riforma".

CALCIO GIOCATO - "Le giovanili riprenderanno a giocare come minimo a febbraio, dodici mesi dopo l'ultima partita. Il livello sarà ovviamente più basso perchè i ragazzi non saranno più abituati a giocare".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/39fgAl6.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...

















SALVATORE PENSO - Il punto sulle giovanili del Ronchi

Spesso dietro le quinte ma in prima linea con la sua squadra Juniores nel seguirla costantemente e fornire risultato e alcune note sulle partite della formazione amaranto. Parliamo di Salvatore Penso, dirigente nonché componente del...leggi
02/04/2020


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07275 secondi