Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CASSACCO - Mansutti: spero di lasciare la società in buone mani

Lo storico presidente rossoblu annuncia il passaggio del testimone: "E' già da qualche anno che pensavo di prendere questa decisione per dedicarmi di più alla famiglia, spero che arrivi una persona che faccia il bene del Cassacco"

Da venticinque anni al timone del Cassacco e con le nozze d'argento arriverà probabilmente anche la staffetta con un dirigente più giovane. Stiamo parlando dello storico presidente Dino Mansutti che è da sempre accostato ai colori rossoblu della società udinese e che ha partecipato all'assemblea di Lignano, contento della riconferma del presidente del Comitato regionale, Ermes Canciani: "Ho visto tantissime assemblee, ricordiamo i venticinque anni di attività del Cassacco Calcio. Devo dire che la location di quest'anno è davvero uno spettacolo e Canciani si è dimostrato un bravissimo presidente. Dico con assoluta sincerità che nel primo mandato non l'avevo votato ma poi mi ha convinto per quello che ha fatto in questi anni e credo che meriti di continuare per altri quattro anni".

ULTIMO ANNO DI PRESIDENZA - "E' mia intenzione lasciare perchè dopo venticinque anni è giusto che subentri qualcun'altro. Speriamo che sia una persona di buona volontà e che faccia il bene del Cassacco Calcio. E' già da qualche anno che pensavo di fare questa scelta perchè vorrei dedicarmi di più alla famiglia ed ai miei nipotini. D'altra parte l'età avanza ed è giusto lasciare il passo ai giovani".

SUCCESSORE - "Ci sono parecchi giovani impegnati che mi hanno pregato di continuare l'anno scorso, ora spero che vengano fuori e portino avanti il buon nome di questa società che ha dato tanto al territorio dallo sport al sociale, fino alla ristrutturazione dello stadio, realizzato sull'idea del "Friuli", ora stiamo completando la cucina del chiosco per offrire sempre più servizi".

SQUADRA - "Non è attrezzata con grandi giocatori, è un collettivo che rispetto agli altri anni si allena tanto ma purtroppo per ora i risultati non arrivano. Speriamo che si possa ricominciare quanto prima a giocare e di riuscire a far fruttare il buon lavoro che sta facendo mister Baiutti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08523 secondi